Burundi. Francia. Un paese soggetto a uno dei dittatori più accaniti del 21 ° secolo. di Lettera aperta dei 5 deputati francesi

Frammenti Africani

Frammenti Africani è un resoconto giornalistico di tematiche complesse del Continente Africano, futuro epicentro economico mondiale, dove coesistono potenze economiche e militari, crescita economica a due cifre, guerre, colpi di stato, masse di giovani disoccupati e una borghesia in piena crescita.
Un mosaico di situazioni contraddittorie documentate da testimonianze di prima mano e accuratamente analizzate per offrire un'informazione approfondita sulla politica, economia e scoperte scientifiche di un mondo in evoluzione pieno di paradossi.

Fulvio Beltrami

Fulvio Beltrami
Originario del Nord Italia, sposato con un'africana, da dieci anni vivo in Africa, prima a Nairobi ora a Kampala. Ho lavorato nell’ambito degli aiuti umanitari in vari paesi dell'Africa e dell'Asia.
Da qualche anno ho deciso di condividere la mia conoscenza della Regione dei Grandi Laghi (Uganda, Rwanda, Kenya, Tanzania, Burundi, ed Est del Congo RDC) scrivendo articoli sulla regione pubblicati in vari siti web di informazione, come Dillinger, FaiNotizia, African Voices. Dal 2007 ho iniziato la mia carriera professionale come reporter per l’Africa Orientale e Occidentale per L’Indro.
Le fonti delle notizie sono accuratamente scelte tra i mass media regionali, fonti dirette e testimonianze. Un'accurata ricerca dei contesti storici, culturali, sociali e politici è alla base di ogni articolo.

TAGS

BLOGROLL

Newsletter
Frammenti Africani

Giu 3

Burundi. Francia. Un paese soggetto a uno dei dittatori più accaniti del 21 ° secolo. di Lettera aperta dei 5 deputati francesi

Elezioni in Burundi. Di seguito proponiamo la lettera aperta del 3 giugno 2020 firmata da cinque deputati francesi all'Assemblea nazionale sulle elezioni in Burundi. Una lettera sobria che evidenzia i fatti e un concetto importante che contrasta con la politica della doppia faccia suggerita dalla cellula africana dell'Eliseo al presidente Macron: la neutralità è una forma di codardia

di Fulvio Beltrami

burundi, ceni, elezioni, frodi elettorali, violenze, guerra civile

Fulvio Beltrami 03/06/2020

Dal 21 maggio (il giorno dopo le elezioni in Burundi) i media francesi (in particolare RFI e France24) hanno gradualmente e maliziosamente iniziato a esprimere le riflessioni del governo francese sul candidato CNDD: Evariste Ndayishimiye noto sotto il nome di battaglia General Neva.

Una posizione che si sviluppa in quattro punti fondamentali tipici delle tecniche di manipolazione dei media.

1 Rappresentazione artificiale di elezioni libere e pacifiche.

2 Nessuna menzione delle violenze e arresti arbitrari attuati dal regime durante la campagna elettorale e il giorno delle elezioni.

3 Una menzione della frode elettorale presentata tuttavia come il punto di vista (quindi discutibile) del candidato dell'opposizione: Agathon Rwasa e non come un fatto compiuto notato anche dai vescovi burundesi della Chiesa cattolica.

4 Immagine di Evariste, come politico moderato (che nasconde le sue responsabilità e i crimini passati durante il tempo del Generale Neva) che riuscirà a pacificare il Paese, riaprendo il dialogo con l'opposizione, interrompendo la guerra fredda con il Ruanda, rassicurando la comunità internazionale.

In pratica, la cellula africana Eliseo (conosciuta come FranceAfrica) ha proposto al governo di Emmanuel Macron, una politica in merito alle elezioni in Burundi, dalle due facce: il sostegno al regime hutupower di Pierre Nkurunziza ma velato. Se, per una ragione inaspettata, il regime crollasse, sostituito da forze democratiche, la Francia accetterebbe di fatto la situazione, non essendosi compromessa con un sostegno chiaro ma prematuro al generale Neva

A differenza di altri paesi europei in cui non esiste più alcuna distinzione tra i partiti di sinistra e di destra e in cui il concetto morale di fare politica sembra essere caduto e sostituito dal professionismo e dall'opportunismo economico, la Francia è sempre stato dotato di un'opposizione politica trasversale legata ai principi della Rivoluzione francese che contrasta sia l'attuale situazione in Burundi sia le note attività sovversive della Francia Africa.

Di seguito proponiamo la lettera aperta del 3 giugno 2020 firmata da cinque deputati francesi all'Assemblea Nazionale sulle elezioni in Burundi. Una lettera sobria che evidenzia i fatti e un concetto importante che contrasta con la politica della doppia faccia suggerita dalla cellula africana dell'Eliseo al presidente Macron: la neutralità è una forma di codardia.

Lettera aperta: elezioni a porte chiuse in un paese soggetto a una delle dittature più feroci del 21 ° secolo.

Parigi, 3 giugno 2020

Signore e signori,

Negli ultimi cinque anni, i burundesi hanno vissuto in una delle dittature più feroci del 21 ° secolo. Le proteste per la legalità costituzionale e la protezione degli storici accordi di Arusha furono insanguinate. Centinaia di migliaia di burundesi hanno preso la strada dell'esilio, altre migliaia sono state uccise o imprigionate. Il terrore regna sovrano. Da allora, è stato diffuso nei confini delle famiglie dalla milizia Imbonerakure, alcuni elementi della polizia e dell'esercito, nonché agenti dei servizi di intelligence nella retribuzione del regime. In Burundi, è come se la vita si rinnovasse ogni 24 ore. La crisi politica ha attirato quelli economici, sociali e diplomatici.

Il dialogo inter-burundese sotto l'egida della Comunità Economica dell'Africa Orientale (EAC – East African Community) è stato tentato più volte, ma il facilitatore e il mediatore hanno finito per gettare la spugna a causa del sabotaggio organizzato dal governo in atto a Bujumbura. Da allora, il popolo burundese si è sentito totalmente abbandonato. La comunità internazionale si limita a dichiarazioni e dichiarazioni senza azioni concrete atte a frenare le ondate tiranniche del regime.

In diverse occasioni, la commissione d'inchiesta internazionale del Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite ha dimostrato che il regime commette quotidianamente crimini contro l'umanità contro il suo popolo. Un’accusa molto pesante che avrebbe dovuto creare forti reazioni. Eppure è raro vedere il caso del Burundi all'ordine del giorno dei dibattiti politici internazionali. I media internazionali non pubblicano mai notizie per informare degli abusi del regime. Le poche dichiarazioni internazionali sul Burundi non sono mai seguite da misure concrete e realizzabili. La recente dichiarazione congiunta delle Nazioni Unite e dell'Unione Africana alla vigilia del triplo scrutinio ci sembra molto disincarnata in relazione alla situazione reale che ha prevalso e che prevale ancora nel paese e testimonia l'assenza di empatia verso il popolo burundese, che merita di meglio, come gli altri popoli del mondo.

In effetti, fu in un clima di omicidi mirati, esecuzioni extragiudiziali, torture e imprigionamenti impropri e una vera caccia a tutte le voci dissonanti o presunte che furono organizzate le triple elezioni presidenziali, legislative e municipali. del 20 maggio 2020. Il corso della campagna elettorale, la votazione, il conteggio e la proclamazione dei risultati provvisori mostrano che le condizioni minime per un'elezione libera, giusta, equa e trasparente sono tutt'altro che soddisfatte.

Facciamo alcuni esempi a supporto del nostro punto:

1. È sempre più evidente che la Commissione Elettorale Nazionale Indipendente (CENI)

è la prima attrice a silurare questo processo elettorale per salvaguardare gli interessi del regime. Queste elezioni si sono svolte in assoluta oscurità: l'elenco degli elettori non è mai stato portato al pubblico elettore e le carte degli elettori sono state distribuite in un clima di imbrogli che ha reso presenti morti, prigionieri ed esiliati votare. La complicità tra gli smembramenti del CENI, l'amministrazione locale e la milizia del partito al potere ha reso possibile questa operazione.

2. La campagna elettorale si è svolta in un clima di terrore. Non è un segreto che l'opposizione all'attuale regime, in particolare alla CNL, sia stata nei guai dall'amministrazione locale (comunale e provinciale) per ottenere l'accesso a luoghi pubblici designati per grandi raduni di attivisti. La caccia agli oppositori è stata segnalata in molte parti del paese. Le vite innocenti sono state tagliate per il semplice motivo di appartenere a un partito dell'opposizione che si propone come alternativa. Questi abusi sono stati segnalati dai media locali.

3. Era la prima volta in Burundi dal 1993, anno delle prime elezioni multipartitiche,

una commissione elettorale indipendente nomina i membri dei seggi elettorali

quasi esclusivamente dall'unica parte al potere. Anche laddove i membri di altre parti fossero integrati, la milizia Imbonerakure, in collusione con la polizia e il sistema giudiziario, si incaricò rapidamente di arrestarli. Come se ciò non bastasse, questa Commissione ha formalmente vietato agli agenti dei partiti politici impegnati nell'osservazione di questo sondaggio di prendere nota dei risultati dei seggi elettorali. Il regime, attraverso il CENI, ha giurato di controllare la votazione da monte a valle.

4. Queste elezioni si sono svolte a porte chiuse. I media nazionali e internazionali sono stati sottoposti alla censura del regime. A tutti è stato ordinato di osservare un codice di condotta che riflette solo la violazione della libertà di informazione. Pertanto, non potevano annunciare nulla sull'andamento della tripla votazione, ancor meno sui risultati, anche se fossero provvisori. La National Radio and Television of Burundi (RTB), impegnata in questo esercizio per conto della Commissione, ha preparato l'opinione pubblica solo per manomettere i risultati, annunciando cifre troncate che potrebbero riflettere la vittoria del Partito CNDD-FDD.

5. Il 25 maggio 2020, dopo un blocco elettorale e quattro giorni di voci, una più allarmante dell'altra, la Commissione elettorale ha annunciato i risultati provvisori per le elezioni presidenziali e legislative. Non sorprende che questi consacrarono la vittoria del partito al potere. Ma l'analisi dei risultati fatta da molti osservatori della situazione in Burundi mostra figure fabbricate da zero con l'unico scopo di far inghiottire la vittoria del partito al potere dal popolo burundese. Sono state riportate manipolazioni sia nel numero di elettori sia nel calcolo del quoziente elettorale per le elezioni legislative, in modo che il CENI rimuovesse immediatamente il file dei risultati dal suo sito web.

6. Infine, alcuni osservatori locali di questo triplo scrutinio hanno pubblicato rapporti preliminari che confermano le frodi elettorali. Tra essi la Chiesa Cattolica molto rispettata in Burundi. Nel suo comunicato stampa reso pubblico dalla Conferenza episcopale cattolica del Burundi, non lesina sulle parole da usare. Ci sono state irregolarità che hanno rovinato il voto e sollevato la questione della validità dei risultati proclamati. Altre parti e personalità indipendenti si sono avvicinate nella stessa direzione.

In conclusione, siamo molto preoccupati che tutti questi segnali allarmanti non sembrano preoccupare la comunità internazionale di adottare le misure necessarie per proteggere il popolo burundese. Le dichiarazioni non possono impedire al Burundi di sprofondare nella diffusa violenza postelettorale. Questo è lo scenario più plausibile. Inoltre, il passato più recente ha dimostrato che il regime CNDD-FDD rimane insensibile alle dichiarazioni e alle risoluzioni della comunità internazionale. Ciò che è necessario sono azioni concrete nel nome della responsabilità di proteggere.

La neutralità è una forma di codardia.

Sonia KRIMI

Députée de la Manche

Mansour Kamadine

Député de Mayotte

Frédérique Dumas

Députée des Hauts-de-Seine

Delphine Bagarry

Députée des Alpes de

Haute-Provence

Michèle Victory

Députée de l’Ardèche

Assemblée Nationale : 126, rue de l’Université, 75007 Paris 3

© Riproduzione riservata

489 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: