Stati Uniti. Donald Trump esige una risposta militare alle proteste popolari

Behind The News

Dagli anni Novanta i media italiani hanno subito un'involuzione sulla qualità delle notizie estere a causa delle esigenze finanziarie di tagliare i costi per i corrispondenti ed inviati nel principali Paesi e nei principali teatri di guerra.
La mancanza delle grandi firme dei Reporter Italiani ha costretto i media italiani ad affidarsi a notizie delle principali agenzie stampa internazionali che monopolizzano l'informazione standardizzandola.
Questo sistema riduce i costi ma priva il lettore di un'informazione pluralista e di analisi approfondite sui principali temi di politica ed economia mondiale.
Behind the News (dietro la notizia) intende ripristinare questo essenziale servizio destinato al lettore proponendo informazioni ed analisi inedite sui principali avvenimenti mondiali andando oltre la semplice notizia per capire le ragioni celate dietro il sipario.

Fulvio Beltrami

Fulvio Beltrami
Originario del Nord Italia, sposato con un'africana, da dieci anni vivo in Africa, prima a Nairobi ora a Kampala. Ho lavorato nell’ambito degli aiuti umanitari in vari paesi dell'Africa e dell'Asia.
Da qualche anno ho deciso di condividere la mia conoscenza della Regione dei Grandi Laghi (Uganda, Rwanda, Kenya, Tanzania, Burundi, ed Est del Congo RDC) scrivendo articoli sulla regione pubblicati in vari siti web di informazione, come Dillinger, FaiNotizia, African Voices. Dal 2007 ho iniziato la mia carriera professionale come reporter per l’Africa Orientale e Occidentale per L’Indro.
Le fonti delle notizie sono accuratamente scelte tra i mass media regionali, fonti dirette e testimonianze. Un'accurata ricerca dei contesti storici, culturali, sociali e politici è alla base di ogni articolo.

TAGS

Newsletter
Behind The News

Giu 2

Stati Uniti. Donald Trump esige una risposta militare alle proteste popolari

Se l’omicidio del Afro Americano George Floyd ha fatto scattare una protesta nazionale che non è di esclusiva della comunità Black, il Presidente Donald Trump, chiedendo l’intervento dell’esercito, rischia di oltrepassare il punto di non ritorno facendo sprofondare il Paese nel Caos

di Fulvio Beltrami

geoge floyd, donald trump, razzismo, america first, disordini, rivoluzione, stati uniti, comunita' afro americana, diritti umani, britalita' della pollizia

Fulvio Beltrami 02 giugno 2020

L’omicidio del cittadino americano Geoge Floyd ha fatto scattare la protesta popolare che, a differenza delle precedenti proteste per eventi razziali simili, non è di esclusiva della comunità afro americana ma ha coinvolto una significativa fetta della società americana, quella che l’Amministrazione Trump ha rubato il “Sogno Americano” facendola sprofondare nel povertà e nel degrado morale della “America First”.

Dopo una settimana, le proteste si stanno radicalizzando diventando violente. Identica radicalizzazione e violenza si nota da parte della polizia in vari Stati. In alcune città sono comparse delle milizie paramilitari bianche e razziste che vengono contrapposto da gruppi di anarchici. Nella confusione un esercito di sottoproletari ne approfitta per fare dei saccheggi peggio di quelli che si assistono durante le manifestazioni a Kinshasa, in Congo. L’assassinio di Geroge Floyd (perché di questo si tratta) è stato il detonatore di problematiche mai risolte, anzi aggravate dal Presidente Miliardario, come la disastrosa gestione della pandemia da Covid19 lo dimostra.

I media europei tentano di minimizzare la gravità della situazione eppure in queste ore l’esercito e il Pentagono sono divisi sul seguire o meno gli ordini del Presidente, intenzionato ad usare l’uso della forza letale se le proteste non si spegneranno e i manifestanti non si piegheranno al suo volere. Al posto di analizzare le cause di questa situazione quasi insurrezionale, Trump sceglie la forza come unica arma possibile negando ogni possibilità di dialogo. Una scelta tipica degli ultimi dittatori rimasti in Africa: da Joseph Kabila a Pierre Nkurunziza.

Behind The News vuole rompere il silenzio informativo sulla gravità della situazione negli Stati Uniti, riportando i punti più salienti dell’articolo di Katie Bo Williams pubblicato sul sito di informazione miltare: Defense One.

Katie Bo Williams è la corrispondente di sicurezza nazionale senior per Defense One, dove scrive di difesa, controspionaggio, NATO, armi nucleari e altro ancora. In precedenza ha coperto intelligence e sicurezza informatica per The Hill, compreso un resoconto approfondito sulle indagini e sui militari della Russia

L’articolo completo lo potete leggere a questo link.

https://www.defenseone.com/threats/2020/06/trump-and-allies-reach-military-response-domestic-protests/165819/

Mentre la polizia ha iniziato a sparare gas lacrimogeni per liberare i manifestanti pacifici lontano da dalla Casa Bianca lunedì sera, il presidente Donald Trump ha dichiarato di aver ordinato "migliaia e migliaia di soldati pesantemente armati, personale militare e forze dell'ordine" per reprimere i disordini civili a Washington DC, e ha minacciato di schierare truppe negli Stati che "rifiutano" di farlo nelle loro stesse città.

Ho fortemente raccomandato a tutti i governatori di schierare la Guardia Nazionale in numero sufficiente da dominare le strade. Se una città o uno stato rifiuta di intraprendere le azioni necessarie per difendere la vita e la proprietà dei loro residenti, dispiegherò l'esercito degli Stati Uniti e risolverò rapidamente il problema per loro", ha dichiarato Trump durante brevi osservazioni nel Giardino delle Rose, nella Casa Bianca.

Il presidente non ha l'autorità legale per dispiegare truppe in servizio attivo per condurre le forze dell'ordine senza invocare l'Insurrection Act del 1807 - cosa che non ha fatto lunedì – e i governatori degli Stati hanno rapidamente respinto la proposta del Presidente.

"Respingo l'idea che il governo federale possa inviare truppe nello stato dell'Illinois", ha dichiarato alla CNN il governatore dell'Illinois Jay Pritzker, un democratico. “La sua retorica sta infiammando le passioni intorno alla nazione. Dovrebbe invocare la calma. Dovrebbe fare delle dichiarazioni appropriate per abbassare la temperatura. Sta facendo esattamente il contrario. "

Il Pentagono ha ordinato un battaglione in servizio attivo di agenti di polizia militare da Fort Bragg, N.C., a Washington, "in standby", secondo quanto riferito da Military Times e altri, mentre i manifestanti e la polizia hanno continuato a riunirsi in varie località della capitale Washington D.C.fino a tarda notte. Il sindaco Muriel Bowser da decretato il coprifuoco, uno o più elicotteri militari hanno sorvolato la folla e il generale Mark Milley, vestito con la sua uniforme da combattimento dell'esercito, ha ispezionato i reparti della Guardia Nazionale in difesa della capitale.

Lunedì, Trump, i suoi funzionari dell'amministrazione e legislatori conservatori hanno sollecitato una risposta militare ai disordini civili e alle proteste che attanagliano le città americane in tutto il paese, usando la retorica della guerra inequivocabilmente bellicosa per descrivere il caos scatenato dall'uccisione di un uomo di colore da un ufficiale di polizia bianco in Minnesota la scorsa settimana.

Trump ha approvato la richiesta del senatore Tom Cotton, R-Ark. , di schierare la 101a Airborne e altre famose unità militari per "affrontare" l'Antifa, un movimento anarchico di estrema sinistra che il presidente ha cercato di incolpare per i violenti disordini. Il senatore Cotton ha chiesto che al gruppo non venga dato "nessun quartiere" - un termine militare che significa che i membri catturati di una forza straniera verranno uccisi. Il rappresentante Matt Gaetz, delle forze anti terrorismo R-Fla ha suggerito che le forze statunitensi dovrebbero "cacciare [Antifa] come facciamo noi [terroristi] in Medio Oriente". Il segretario alla Difesa Mark Esper ha chiesto alle autorità di "dominare lo spazio di battaglia", un riferimento alle strade degli Stati Uniti dove si svolgono le proteste e le rivolte.

Antifa è un gruppo vagamente organizzato che non rende pubblici i suoi rotoli di affiliazione, rendendo difficile valutare la portata del suo coinvolgimento nel saccheggio e altri elementi violenti delle proteste. Ma migliaia di persone a livello nazionale sono state coinvolte in qualche modo e le proteste sono molto più grandi e diverse di un singolo gruppo.

Nel frattempo, decine di migliaia di guardie nazionali sono state convocate nelle città di tutto il paese per sostenere la risposta delle forze dell'ordine locali alla crisi disastrosa. Le guardie sono state coinvolte in almeno due sparatorie a livello nazionale, una delle quali è stata fatale, a Louisville

In un vago proclama durante l'appello alla Casa Bianca, Trump ha dichiarato di aver messo il generale Mark Milley "in carica" ​​ per gestire i disordini razziali che spazzano il paese. Nel corso di una riunione tenutasi nel corso della giornata, il segretario stampa Kayleigh McEnany ha rifiutato di offrire dettagli sul ruolo del Generale Milley o di spiegare perché un ufficiale militare sarebbe stato incaricato di calmare le proteste sociali. I funzionari del Pentagono non hanno commentato o offerto ulteriori spiegazioni sul potenziale ruolo del Generale Milley.

Consentire la libertà di assemblare e la libertà di parola. Va benissimo, lo sosteniamo. Ma tutto ha un limite.  Abbiamo prestato giuramento di fedeltà alla Costituzione degli Stati Uniti d'America per farlo, per proteggere i diritti di tutti, è quello che faremo ", ha detto il Generale Milley lunedì sera, chiesto a un giornalista.

La risposta dell'amministrazione Trump ha profondamente infastidito gli studiosi delle relazioni civili-militari, molti dei quali notano che ai militari ai sensi del l'Insurrection Act del 1878 è vietato esercitare la forza se non espressamente autorizzato dalla legge. Il presidente piò invocare l'Insurrection Act, che stabilisce l’uso dell’esercito "a seguito di un disastro naturale o se la violenza domestica è aumentata a tal punto che le autorità costituite dello Stato non sono in grado di mantenere l'ordine pubblico". I critici affermano che un'ulteriore militarizzazione della risposta del governo non farà altro che infiammare le tensioni e aumentare la rabbia popolare verso la polizia che hainnescato i disordini in primo luogo.

"Utilizzare all’interno del paese le nostre forze armate è un'impresa incredibilmente seria che non dovrebbe essere presa alla leggera", ha dichiarato Adam Smith, presidente del comitato dei servizi armati della Camera, D-Wash. "Non è americano usare i membri del nostro servizio per" dominare "i civili, come hanno suggerito sia il Presidente che il Segretario alla Difesa. Viviamo in una democrazia, non in una dittatura. "

"Lo spazio di battaglia "dell'America? ??" ha twittato il Generale Tony Thomas, che ha comandato il comando delle operazioni speciali degli Stati Uniti durante l'amministrazione Trump prima di ritirarsi. "Non quello è che l'America ha bisogno di sentire... mai, a meno che non siamo invasi da un avversario o sperimentiamo un fallimento costituzionale... cioè una guerra civile..."

"Questo è pazzesco", ha detto Dave Lapan, colonnello in pensione del Corpo dei Marines che è stato il portavoce principale del Pentagono, sotto il presidente Barack Obama, e il portavoce del Dipartimento della Sicurezza Nazionale, sotto Trump. "Al di là dell'idea che un ufficiale militare in servizio attivo sarebbe" responsabile delle azioni di contrasto di proteste nazionali ", il presidente non ha il comando delle truppe. Il comando spetta al consigliere militare senior del Presidente e del Segretario alla Difesa. "

Le proteste, i disordini e le rivolte in tutto il paese sono state segnate dalla violenza di entrambi i manifestanti - tra cui saccheggio e incendio di auto della polizia e altre installazioni - e polizia, che è stata filmata mentre picchiava e prendeva a calci i manifestanti, spesso con quella che sembra essere una forza sproporzionata. I giornalisti che hanno partecipato alle manifestazioni sono stati colpiti con proiettili di gomma, spruzzati con gas lacrimogeni, arrestati e aggrediti fisicamente dalla polizia.

Le manifestazioni continuano a bruciare in tutto il paese, anche in seguito all'arresto di Derek Chauvin, l'ufficiale di polizia di Minneapolis accusato dell'omicidio di George Floyd. Un'autopsia diretta dalla famiglia rivela che Floyd è morto per omicidio per asfissia.

La presenza di diversi gruppi di manifestanti, con manifestanti violenti che si mescolano con molti che protestano in modo non violento, ha complicato la politica che tenta di contenere il movimento. Il Dipartimento della Sicurezza interna ha avvertito in una nota di intelligence ai funzionari delle forze dell'ordine che anarchici e gruppi paramilitare razzisti potrebbero tentare di "sfruttare" le proteste legittime protette dal Primo Emendamento.

Il famoso leader dei diritti civili, il rappresentante John Lewis, D-Ga. , Ha invitato i "rivoltosi" a protestare pacificamente.

© Riproduzione riservata

189 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: