Antropologia e alimentazione

Alcune usanze, come quella di allestire sontuosi banchetti in occasione di particolari festività, digiunare in alcuni periodi dell’anno, offrire cibo all’ospite, astenersi dal mangiare determinati cibi, etc. accomunano gli uomini di diverse epoche e culture, tanto da poter essere considerate archetipi di patrimonio dell’umanità. Financo alcune tendenze alimentari diffusesi recentemente nella nostra società, come il vegetarianesimo e il crudismo, affondano le loro radici in un passato remoto, che si colloca alle origini della civiltà. Oggi intorno all’argomento alimentazione si parla moltissimo, complice in parte la globalizzazione, che ha portato diverse culture alimentari a confrontarsi tra loro. La conseguenza meno positiva è che si è venuta a creare una certa confusione, tra filosofie alimentari in apparente antitesi tra di loro e preoccupanti estremismi da parte di alcuni. Conoscere l’origine storica e culturale dei modelli alimentari che hanno caratterizzato sino ad ora la nostra società e di quelli che oggi si stanno imponendo, ci può aiutare a vivere in modo più sereno e consapevole il nostro rapporto con il cibo.

Anna Silvia Castiglione

Anna Silvia Castiglione
Nata a Genova il 01/06/87. Dopo aver conseguito la maturità classica presso il ginnasio-liceo Andrea D’Oria, viene ammessa alla facoltà di Medicina e Chirurgia di Genova. Contemporaneamente segue il corso di pianoforte principale presso il Conservatorio Nicolò Paganini. Nel 2010 consegue il diploma di pianoforte e due anni dopo la laurea in Medicina e Chirurgia. Rientrata a Genova dopo un tirocinio presso l’ospedale Royal Free di Londra, per un periodo lavora come mutualista per la ASL 3 genovese. Durante l’attività di medico di base si sensibilizza al problema delle cronicità. È l’inizio di un percorso che la porta ad approfondire diverse branche della medicina: omotossicologia, nutrizione, fitoterapia. È associata all’Amik (Associazione medici italiani kousminiani) e alla Sioot (Società scientifica di ossigeno-ozono-terapia). Attualmente svolge attività privata come medico esperto in omotossicologia e nutrizione. Nel tempo libero dirige un coro e canta in diverse formazioni.

Marcello Castiglione

Marcello Castiglione
Nato a Genova il 26/12/1956. Ha studiato a Genova, dove ha conseguito il diploma di maturità classica presso il ginnasio-liceo Andrea Doria e la laurea in giurisprudenza presso l’Università di Genova. Dopo la laurea ha superato l’esame di abilitazione alla professione legale e ha svolto per pochi anni la professione di avvocato. Ha superato il concorso in magistratura ed è stato per molti anni giudice del Tribunale di Genova. Attualmente è consigliere della Corte d’Appello di Genova. Nel tempo libero coltiva per interesse personale lo studio dell’antropologia e della storia delle religioni classiche. Ama anche fare attività sportiva all’aria aperta e ha passione per il trekking, la bicicletta e la canoa.

Newsletter

Mag 15

Acqua fonte di vita: ma bere tanta acqua fa bene?

Come si fa a calcolare il fabbisogno idrico giornaliero? Da dove trae origine la tesi dei due litri di acqua al giorno? Cosa si intende per polidipsia? Quali sono le conseguenze di un eccessivo introito di acqua? È vero che bere molta acqua previene disturbi come costipazione e infezioni delle vie urinarie?

di Anna Silvia Castiglione

È opinione diffusa che bere molta acqua faccia bene. Ma di acqua, se assunta in eccesso, si può anche morire. L'acqua, infatti, ha una concentrazione di sodio inferiore a quella del sangue. Di conseguenza, un eccessivo introito di acqua provoca un abbassamento dei livelli di sodio nel sangue, condizione nota come iponatriemia. Le conseguenze dell'iponatriemia sono potenzialmente letali. Il sodio, infatti, contribuisce, insieme agli altri elettroliti e alle proteine plasmatiche, a creare un gradiente osmotico che trattiene l'acqua all'interno dei vasi sanguigni. Diminuendo la sodiemia e quindi la pressione oncotica del sangue, una quota di acqua trasuda negli spazi extravascolari. Questo meccanismo è alla base delle morti per intossicazione d'acqua. Nel cervello, infatti, si trovano quattro cavità in comunicazione tra loro dette ventricoli. Quando la pressione oncotica del sangue si abbassa, una parte di acqua dalla circolazione cerebrale trasuda nei ventricoli. La compressione del tessuto cerebrale da parte del liquido che si accumula nei ventricoli si manifesta inizialmente con confusione mentale, allucinazioni, attacchi epilettici.

» Leggi l'intero post...

Mag 15

Acqua fonte di vita: radici antropologiche della potomania

Perchè si racconta che i bambini sono portati dalle cicogne? Qual è il significato delle le ablazioni dei malati? Se l'acqua è fonte di vita e guarisce dalle malattie, perchè nell'immaginario collettivo le acque di mare e laghi sono abitate da esseri mostruosi? Perchè dal costato di Gesù esce acqua insieme a sangue? Cos'è la potomania?

di Marcello Castiglione

La potomania è una malattia psichiatrica che si manifesta col bisogno compulsivo ed incontrollabile di assumere liquidi, specialmente acqua, in misura smodata e sproporzionata al reale fabbisogno dell’organismo anche in assenza di sete. Fa parte delle patologie di origine psichiatrica legate al mancato controllo degli impulsi e nelle forme più gravi può esporre a gravi rischi la salute del soggetto. Certamente – senza arrivare alle forme psicopatologiche – l’assunzione smodata di acqua ovvero la preoccupazione di bere in misura superiore a quella richiesta dall’organismo è diventata – oggi – un atteggiamento diffuso – ovvero un fatto di costume o salutistico - che sembra rispondere ad una sorta di moda culturale piuttosto che a precise o reali indicazioni mediche o sanitarie. Può essere interessante ricercare per così dire la matrice culturale e le radici antropologiche di questo comportamento, che come tutti i fatti culturali partecipa alle valenze simboliche di un determinato archetipo, che costituisce la chiave di lettura ed interpretazione dei fenomeni che da esso traggono origine. Nel caso particolare questo archetipo è l’acqua. Certamente l’acqua è un elemento primordiale, un archetipo dotato di plurime valenze simboliche e religiose, che costituiscono nel loro insieme un complesso culturale. Aqua femina, dicevano gli antichi. Mircea Eliade, noto storico delle religioni, spiega diffusamente questo concetto osservando che “le acque simboleggiano la totalità delle virtualità; sono fons et origo, la matrice di tutte le possibilità di esistenza……

» Leggi l'intero post...

Dic 23

Significato del cibo nei rituali di ospitalità

Qual è la funzione dei riti di ospitalità? Cosa rappresenta lo straniero? Perchè il comportamento di Polifemo e dei Feaci nei confronti di Ulisse è così diverso? Qual è l'interpretazione antropologia della parabola del figliol prodigo? Che significato aveva il cannibalismo dei Tupinamba? I riti di ospitalità esistono ancora nella nostra società?

di Marcello Castiglione

La consumazione del cibo, ovvero la comunione o condivisione del pasto, ha un ruolo importante nei riti di accoglienza od ospitalità. Questi presentano caratteri comuni con diversi riti festivi, per meglio dire costituiscono essi stessi una festa, siccome l’arrivo di uno straniero rappresenta sempre l’irruzione di una potenza sconosciuta e carica di mistero nella vita di tutti i giorni, un evento straordinario che ha sempre dei contraccolpi nella vita della comunità. Per questo lo straniero deve essere sempre trattato con cautela e rispetto. Esistono riti difensivi, apotropaici, purificatori e di aggregazione: questi riti riflettono l’ambiguità del rapporto con l’estraneo, segnano ed approfondiscono la distanza che ci separa dallo straniero o cercano di annullare quella distanza assimilando ed aggregando lo straniero alla comunità di accoglienza. Intanto, il rapporto con lo straniero esprime sempre la tensione tra identità e diversità: l’identità del gruppo e la diversità dell’altro. Lo straniero indossa sempre la maschera del diverso, rappresenta l’alterità in tutti i suoi aspetti benefici e malefici, appartiene al mondo sacro, è portatore di una potenza ignota e per questo doppiamente paurosa, ma anche attraente. Può essere trattato come un nemico ed allontanato od ucciso, oppure essere accolto con tutti gli onori di un re o di un dio. Per questo“la guerra e l’ospitalità sono, l’una non meno dell’altra, attività religiose, destinate a vincere la potenza dello straniero ed a neutralizzarla” (Van Der Leeuw, Fenomenologia della religione). Dipende – l’atteggiamento nei confronti dello straniero – dal carattere più o meno marcatamente identitario e chiuso od aperto verso l’esterno di una cultura, dalla facoltà di una determinata civiltà di aprirsi all’esperienza dell’altro, dal desiderio di superare le proprie barriere identitarie per mescolare noi e gli altri: in tal caso la curiosità prevale sull’ostilità ed i riti di accoglienza prendono il posto dei riti di allontanamento.

» Leggi l'intero post...

Dic 23

Rituali di ospitalità: una possibile causa di "diet failure"?

Perchè è tanto difficile perdere peso e mantenere il peso raggiunto? È solo questione di disciplina e forza di volontà? Qual è l'atteggiamento degli specialisti di fronte al problema? Quale contributo può venire dall'antropologia? Cosa sono i riti di ospitalità? Cosa comporta sul piano psicologico trasgredire i dettami della dieta?

di Anna Silvia Castiglione

Secondo i dati raccolti nel 2010 dall'Istututo Superiore di Sanità, in Italia il 32% degli adulti risulta in sovrappeso, mentre l'11 % è obeso. Complessivamente, quindi, più di quattro adulti su dieci (42%) sono in eccesso ponderale. Se da un lato, come afferma un' interessante revew pubblicata sul Journal of Obesity, enfatizzare eccessivamente il problema del peso corporeo potrebbe essere sbagliato (TRACY L. TYLKA ET AL, "The weith-inclusive versus weith- normative approach to health: evaluating the evidence fot prioritizing well-being over weith loss", Journal of Obesity 2014), d'altro canto le preoccupazioni della comunità scientifica appaiono giustificate dal fatto che si tratta di un fenomeno in espansione: dalle interviste dell'indagine Multiscopo dell'Istat emerge, infatti, che nel periodo compreso tra il 2001 ed il 2009 è aumentata sia la percentuale di persone in sovrappeso, sia la percentuale degli obesi. Negli altri stati europei la situazione è ancora peggiore, per non parlare dell'America, che detiene il poco onorevole primato del paese con il maggior numero di obesi al mondo. La magrezza non è necessariamente sinonimo di salute, come giustamente afferma la review americana, tuttavia le persone in sovrappeso in generale godono di condizioni di salute più scadenti, soprattutto per quanto concerne il rapporto con malattie cardiovascolari, del metabolismo e delle articolazioni. Parlando in termini numerici, secondo un'analisi dell'OMS (Organizzazione Mondiale di Sanità) riportata dal sito dell'istituto Superiore di Sanità, sovrappeso e obesità sono, insieme a sedentarietà e cattive abitudini alimentari, responabili dell'86% dei decessi e del 77% della spesa per la salute.

» Leggi l'intero post...

Mag 16

Latte tra Natura e Cultura: la verità sull'alimento più contestato

Cosa è l'intolleranza al latte? È vero che il latte promuove la formazione di muco nelle vie respiratorie? Qual è il rischio di somministrare latte vaccino troppo precocemente ai bambini? È vero che il consumo di questo alimento promuove lo sviluppo di tumori? Gli ormoni somministrati alle mucche per aumentare la produzione sono rintracciabili nel latte?

di Anna Silvia Castiglione

Latte tra Natura e Cultura: la verità sull'alimento più contestato.

» Leggi l'intero post...

Mag 16

Latte tra Natura e Cultura: significato antropologico di un alimento

Cosa rappresenta il latte nell'immaginario comune? Qual è il legame tra questo alimento e l'antico culto dionisiaco? Perchè nell'Odissea il latte viene contrapposto al vino? Quale posto occupa il latte nella narrazione della fondazione di Roma? Perchè la Madonna viene spesso rappresentata nell'atto di allattare il Figlio? Cosa si intende per "cultura lattofila"?

di Marcello Castiglione

Il codice antropologico assegna un significato ed un posto preciso al latte nella scala dei valori alimentari che scandisce il passaggio dalla natura alla cultura. Sicuramente il latte sta dalla parte degli alimenti naturali, come il miele e le erbe selvatiche, ovvero degli alimenti prodotti direttamente dalla natura che si consumano crudi, come la natura li ha fatti, in opposizione agli alimenti che devono essere cotti o comunque trattati dall’uomo per essere consumati, la cui preparazione in altre parole costituisce il risultato di un processo culinario che richiede l’impiego di un mediatore culturale come il fuoco e che segna – per l’appunto – il distacco degli uomini dalla natura. Altri alimenti invece stanno dalla parte della cultura. Il pane, come prodotto tipico dell’agricoltura, rappresenta il superamento della civiltà nomade e pastorale considerata – in questa scala di valori legata alla civiltà sedentaria, che costituisce il fondamento della città – come uno stato di civilizzazione meno progredito, più selvatico e più vicino alla natura. Per questo gli antichi greci designavano gli uomini civili come “mangiatori di pane” (sitofagoi), in opposizione ai barbari ed agli animali, che si nutrivano soltanto di cibi crudi. Invero la consumazione del pane (sitos) per gli uomini civili superava la necessità fisiologica e rappresentava anche una scelta od opzione di carattere culturale, carica di valori simbolici, che questo alimento ha conservato ancor oggi. In questo sistema di valori la pastorizia contrapposta all’agricoltura rappresentava il pre-cosmico, il pre-civile, il naturale in contrapposizione al cosmico, al civile, al culturale. Diversamente il vino, che apparteneva ad entrambe anche se non apparteneva per intero a nessuna delle due categorie, rappresentava uno strumento di confusione, di rottura dell’ordine e – in ultima analisi – di passaggio dalla natura alla cultura: per questo era stato posto dai Greci sotto il patronato di Dioniso, dio ambivalente, selvaggio e civilizzatore nello stesso tempo.

» Leggi l'intero post...

Mar 31

Ritualizzazione del pasto: mangiare non è solo un atto fisiologico

Qual è l'origine delle norme che costituiscono il galateo della tavola? Cosa si cela dietro festosità del pasto a base di carne? Qual è il significato del pasto comunitario? Può il pasto essere considerato semplicemente un atto fisiologico? Cosa si intende per de-ritualizzazione del pasto?

di Marcello Castiglione

La cultura della cucina e della tavola appartiene alla nostra tradizione. Essa comporta l’osservanza di norme relative al modo di apparecchiare la tavola, al posto che ogni commensale deve occupare ed al ed al contegno che deve tenere, all’ordine delle pietanze, al modo di preparare, servire e presentare i cibi ed al modo di consumarli, a quello che si può fare o non si deve assolutamente fare o dire durante la consumazione del pasto. Tutte queste regole, che costituiscono per noi il galateo della tavola e la nostra tradizione culinaria, rientrano in schemi o convenzioni culinarie e culturali che variano da cultura a cultura, e che ogni cultura considera irrinunciabili siccome rispecchiano il suo modo di essere e di pensare. Stabiliscono regole di successione, associazione od incompatibilità tra diversi alimenti – come dire che il salato deve venire prima del dolce o che la frutta deve venire dopo gli altri piatti od un contorno si deve associare ad una determinata pietanza – regole stabilite sulla base di criteri non sempre e non solamente dietetici ma anche religiosi, sociali, politici.

» Leggi l'intero post...

Mar 31

La de-ritualizzazione del pasto: conseguenze pratiche sulla salute

Perchè gli anziani presentano una minore incidenza di malattie gastrointestinali rispetto ai giovani? Ci sono differenze tra il modo di mangiare degli anziani e dei giovani? Perchè fa male mangiare davanti al computer? È importante mangiare in un luogo dedicato? "Mangiare bene" significa solo mangiare cibo di buona qualità?

di Anna Silvia Castiglione

Questo articolo nasce da alcune considerazioni personali riguardanti la maggiore diffusione di malattie gastrointestinali tra la popolazione giovanile rispetto a quella anziana. Reflusso gastroesofageo, ernia iatale, colite, intolleranze alimentari e disturbi digestivi in genere, affliggono una buona parte della popolazione giovanile, mentre presentano una bassissima incidenza tra gli anziani. Il disturbo gastrointestinale più diffuso tra la popolazione anziana è la stipsi, inevitabile conseguenza della sedentarietà, di alcuni farmaci, come antidolorifici e antidepressivi, di malattie con compromissione neurologica, come diabete e parkinson. A sua volta la stipsi è causa di emorroidi e diverticoli. Fatta ecccezione per questi disturbi, gli anziani presentano una bassa incidenza di malattie gastrointestinali. Mettendo a confronto le abitudini alimentari della popolazione giovanile e di quella anziana, emerge subito un fatto: per le persone anziane il momento del pasto ha tutte le caratteristiche di un rito. L’anziano tipo è tassativo riguardo l’orario del pasto: a mezzogiorno si pranza e alle sette si cena. Apparecchia con cura prima di sedersi a tavola. Rispetta rigorosamente un ordine di portata: non mangerebbe mai la carne prima della pasta. La carne infatti è un “secondo”, mentre la pasta è un “primo”. Come in un vero e proprio rito, ognuno ha dei compiti ben definiti: apparecchiare tavola è generalmente compito dell’uomo, mentre la donna si occupa di preparare le pietanze. Quali sono invece le abitudini alimentari dei giovani? Si parla spesso di COSA mangiamo, ma non di COME mangiamo. Eppure le due cose sono parimenti importanti. Mentre è in crescita, soprattutto tra le classi più agiate, il numero di persone che si informano su quali sono i cibi migliori per la loro salute, che cercano l’alimento genuino, a costo di pagarlo di più o di fare la spesa un po’ più lontano, ben pochi danno importanza al momento del pasto in quanto tale. Ma “mangiare bene” non significa solamente buttare dentro il nostro tubo digerente cibo di buona qualità: “mangiare bene” significa anche e soprattutto avvicinarsi al cibo con animo sereno, mangiare cibo gratificante per i sensi e per l’olfatto, mangiare in un luogo accogliente, dedicare un tempo ragionevole al momento del pasto. Invece molte persone fanno proprio il contrario: mangiano in piedi, per la strada, davanti al computer o alla televisione, mangiano mentre lavorano o mentre studiano, non hanno un luogo e un orario dedicato per consumare i pasti, ma mangiano in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo. Tutto ciò è estramamente dannoso per la salute. Di seguito proveremo a capire perchè.

» Leggi l'intero post...

Feb 27

Esotismo e alimentazione: il mito della soia

A cosa si deve la recente diffusione nei nostri mercati di prodotti alimentari della tradizione asiatica? Davvero la soia ha le proprietà che le vengono attribuite? Cosa differenzia la soia dagli altri legumi? Il latte di soia può sostituire il latte vaccino nell'alimentazione dei bambini? Cosa sono i fitoestrogeni? Qual'è la provenienza della soia che troviamo nei nostri supermercati?

di Anna Silvia Castiglione

In Europa il mercato della grande distribuzione alimentare si è arricchito di una serie di prodotti fino a poco tempo fa sconosciuti. Si tratta soprattutto di prodotti della tradizione gastronomica asiatica, come la soia, il cui consumo negli ultimi anni è cresciuto in maniera esponenziale. La globalizzazione non può essere addotta come unica causa di questo fenomeno. Altrimenti il platano, alimento tipico della cucina sudamericana, dovrebbe essere diffuso quanto se non più della soia. Invece è venduto esclusivamente nei negozi specializzati in prodotti sudamericani, mentre la soia si trova negli scaffali di ogni supermercato. A cosa si deve il grande successo della soia e di altri prodotti della tradizione asiatica? Molte persone ritengono che questi alimenti apportino un vantaggio alla loro salute. È veramente così? Proviamo ad analizzare pro e contro del mangiare soia.

» Leggi l'intero post...

Feb 27

Esotismo e alimentazione: la "nostalgia del paradiso"

Perchè al prodotto esotico si attribuiscono virtù speciali? Qual'è il significato simbolico della lontananza? Perchè gli eroi dei miti compiono viaggi pericolosi in terre lontane? Cosa intendono gli storici delle religioni per "nostalgia del paradiso"? Cosa spinge l'uomo odierno a rivolgersi a sette e religioni orientali? Come si può spiegare l'entusiasmo per diete e prodotti alimentari estranei alla nostra tradizione?

di Marcello Castiglione

I prodotti esotici sono sempre più diffusi nel mercato dell’alimentazione e presenti sulla nostra tavola. Entrano anche nella farmacopea e nei rimedi curativi, ai quali si ricorre soprattutto quando si ha perso fiducia nella medicina tradizionale. Indubbiamente hanno una forza attrattiva o persuasiva che attira i gusti e le scelte dei consumatori e finanche indirizza le scelte terapeutiche volte – per l’appunto – a trovare rimedio a malanni di vario genere e gravità. Anche in scelte di questo genere – come quella di inserire prodotti esotici nella nostra cucina di tutti i giorni od in diete particolari – è possibile riscontrare una matrice culturale, che lo studio antropologico ci può aiutare a scoprire.

» Leggi l'intero post...

Gen 30

Crudismo: benefici e rischi per la salute

Cosa comporta dal punto di vista nutrizionale la cottura degli alimenti? L'affermazione per cui il cibo crudo sarebbe più "vitale" ha un fondamento scientifico? È vero che durante la cottura si sviluppano sostanze tossiche? Di cosa si tratta esattamente? Quali sono gli svantaggi per la salute derivati dal mangiare cibo crudo? Perchè i legumi devono essere cotti? Consumare cospicue quantità di verdura cruda fa bene a tutti?

di Anna Silvia Castiglione

Il termine “crudismo” indica un regime alimentare che prevede il consumo di alimenti rigorosamente non cotti. Esistono diversi tipi di crudismo: vegetariano, vegano, onnivoro. Il comune denominatore è il divieto di cuocere gli alimenti. I crudisti infatti affermano che la cottura degli alimenti distrugge le loro proprietà benefiche e sviluppa sostanze tossiche. Numerose e autorevoli personalità hanno dato il loro contributo allo sviluppo del movimento crudista: il medico svizzero Bircher Benner (1867 - 1939), passato alla storia come l’inventore del muesli, sosteneva i benefici di un’alimentazione basata sul consumo di vegetali e cereali crudi; il dentista americano Weston Price (1870 - 1948) aveva notato una maggior incidenza di patologie dentarie tra i giovani e riteneva che ciò fosse da imputare ad una carenza di vitamine liposolubili, che abbondano nei prodotti animali crudi; la dottoressa Catherine Kousmine (1904 - 1992), che dedicò la sua vita a studiare gli effetti dell'alimentazione moderna sul sistema immunitario, consigliava ai suoi pazienti di assumere tutti i giorni un cucchiaio di cereali integrali crudi; il medico francese Seignalet (1936 – 2003) sosteneva che consumare alimenti cotti a temperature medio-alte nel tempo danneggia i tessuti ricchi di collagene. L’elenco di coloro che, in qualità di medici, scienziati, filosofi, si sono schierati a favore del consumo di cibi crudi sarebbe ancora lungo, ma non è scopo di questo articolo raccontare come è nato il crudismo. Piuttosto cercheremo di analizzare da un punto di vista strettamente medico quali siano i benefici ed i possibili rischi per la salute derivati dal consumare alimenti crudi. Questa breve trattazione non ha la pretesa di essere esaustiva sull'argomento, che è molto complesso, ma vuole semplicemente fornire degli spunti di riflessione.

» Leggi l'intero post...

Gen 21

Crudismo: le basi antropologiche

Quali esigenze ed istanze si celano dietro la scelta di cibarsi esclusivamente di alimenti crudi? Si tratta di motivazioni puramente salutistiche o c'è qualcosa di più? Quali sono le radici storiche e culturali del crudismo? Quale era il significato di cuocere la carne negli antichi sacrifici rituali? Perchè i seguaci del movimento religioso noto come dionisismo mangiavano carne cruda? Cosa significa essere crudisti oggi?

di Marcello Castiglione

Il crudismo è una scelta alimentare dettata da esigenze sanitarie nella quale è agevole riconoscere anche istanze ed esigenze culturali. In altre parole oggi mangiare crudo non significa soltanto seguire una dieta fondata su principi o teorie nutrizionistiche che escludono la cottura dei cibi, ma significa anche più o meno consapevolmente fare una scelta di tipo culturale, ovvero scartare determinati modelli culturali che attribuiscono un certo significato alla preparazione del cibo cotto. Sicuramente il crudismo ha radici profonde che lo studio antropologico aiuta a scoprire. 

» Leggi l'intero post...

Dic 17

Il banchetto natalizio

Con le feste di Natale le famiglie aumentano i consumi e mangiano di più. Ma perché? Il pasto comunitario ha in sé molti fattori di condizionamento, psicologici, sociali. Il banchetto come luogo di condivisione e di abbondanza, e come momento di intimità, di sentimenti e azioni comuni. Come e perché è nato tutto questo e che valore ha nella società di oggi

di Marcello Castiglione

A Natale si usa mangiare molto. Invero oggi si mangia tutti i giorni in abbondanza, sicuramente più del necessario, come dimostra la diffusione del sovrappeso e dell’obesità in soggetti di tutte le età. Pertanto il Natale non si differenzia certamente dagli altri giorni per la licenza di mangiare. Forse è più corretto dire che a Natale si dà molta importanza al fatto di mangiare molto. Questo significa che il mangiare in abbondanza è ritualizzato, cioè ha acquisito un preciso significato culturale, del quale probabilmente non siamo del tutto consapevoli, ma che sicuramente condiziona ancora il nostro comportamento festivo. Lo studio antropologico e la ricerca etnografica ci aiutano a scoprire questi condizionamenti culturali, così antichi ma ancora vivi e vitali.

» Leggi l'intero post...

Dic 17

Alimentazione tra medicina e antropologia

Qual è il nostro rapporto col cibo? Che cosa mangiamo? Ciò che mangiamo può influenzare il nostro modo di vivere e relazionare? Cos'è l'antropologia dell'alimentazione, cosa significa? Con questa breve introduzione cercheremo di capire e interpretare le modalità, le scelte, le tradizioni, il significato di tutto ciò che mangiamo

di Anna Silvia Castiglione

Mentre il mondo medico prende atto dell’importanza dell’alimentazione quale strumento di prevenzione e cura per molte patologie tipiche della nostra società, un numero sempre più nutrito di persone inizia a mostrare interesse per gli aspetti culturali, sociali e financo spirituali del cibo. Il “mangiare” non è semplicemente un atto fisiologico finalizzato al sostentamento del corpo, e tanto meno un mero atto medico. Sicuramente è anche tutto questo ma, quando si parla di alimentazione, sono molti gli aspetti da considerare. La complessità del rapporto uomo – cibo non può e non deve essere ridotta ad una questione di calorie o di proporzione tra nutrienti, pena il fallimento di qualsiasi approccio terapeutico basato sulla centralità dell’alimentazione. Sapere la distinzione tra acidi grassi saturi e insaturi non ci aiuterà a curare i nostri pazienti se non teniamo conto del contesto culturale e sociale in cui queste persone vivono. Il recente interesse della medicina per l’alimentazione rappresenta sicuramente un notevole passo avanti rispetto ai decenni scorsi sul piano culturale, ma il salto dalla teoria alla pratica è tutt’altro che semplice. Dovrebbe far riflettere il fatto che gli stessi professionisti della salute non sono spesso fedeli alle indicazioni che danno ai loro pazienti. In altre parole, “predicano bene e razzolano male”. Il passaggio dalla teoria all'applicazione non è semplice perché, nella vita reale, intervengono una serie di fattori che non rientrano nella sfera strettamente di competenza della scienza, ma competono alla psicologia, la sociologia, l’antropologia, l’etnologia. In questa rubrica cercheremo di analizzare i comportamenti alimentari della nostra società da un punto di vista antropologico. Da “antropos”, che in greco antico significa “uomo”, l’antropologia è quella disciplina che studia le origini storiche del comportamento dei gruppi sociali.

» Leggi l'intero post...