Sociatria e arte: una visione radicale. Un saper fare, non un prodotto estetico

Ultimi articoli
Newsletter

La sociatria ridà all'arte il suo vero significato

Sociatria e arte: una visione radicale
Un saper fare, non un prodotto estetico

La sociatria guarda all'arte in modo radicale: l'arte non è un prodotto estetico, ma uno strumento di cura sociale

di Antonio Rossello

Murale
Murale

La sociatria è una disciplina che si occupa dello studio delle patologie sociali e dei loro effetti sulle persone e sulla società. Essa propone un approccio innovativo alla cura sociale, basato sulla cura delle relazioni sociali.

In questo contesto, l'arte riveste un ruolo fondamentale. L'arte è infatti un potente strumento di comunicazione e di partecipazione, che può essere utilizzato per promuovere la cura sociale.

La sociatria guarda all'arte in modo radicale, riportandola al termine Tekne (saper fare), con cui veniva intesa nella Grecia antica. La Tekne era un'attività pratica, finalizzata alla realizzazione di un oggetto o di un servizio. Essa era basata sulla conoscenza e sulla maestria, e non era legata a considerazioni estetiche.

Tutti coloro i quali si dilungano in disquisizioni su sociatria ed estetica, introducono elementi che esorbitano il legittimo e naturale sito ermeneutico dell'arte sociatrica. L'arte sociatrica non è un prodotto estetico, ma uno strumento di cura sociale.

L'arte sociatrica è un saper fare

L'arte sociatrica è un saper fare, un'abilità pratica che consente di realizzare oggetti o servizi che hanno un impatto positivo sulla società. Essa è basata sulla conoscenza e sulla maestria, e non è legata a considerazioni estetiche.

Un esempio di arte sociatrica è la realizzazione di un murale che promuova la convivenza pacifica tra persone di culture diverse. Questo murale è un oggetto pratico, che ha un impatto positivo sulla società. Esso non è un prodotto estetico, ma uno strumento di cura sociale.

L'arte sociatrica non è un prodotto estetico

L'arte sociatrica non è un prodotto estetico. Essa non è finalizzata a produrre emozioni o sensazioni estetiche. Il suo obiettivo è quello di promuovere la cura sociale.

Un esempio di arte sociatrica che non è un prodotto estetico è la realizzazione della pubblicistica a supporto di un progetto di volontariato che aiuti le persone in difficoltà. Questo progetto è un'attività pratica, che ha un impatto positivo sulla società. Esso non è un prodotto estetico, ma uno strumento di cura sociale.

Contro le disquisizioni estetiche

Tutti coloro i quali si dilungano in disquisizioni su sociatria ed estetica, introducono elementi che esorbitano il legittimo e naturale sito ermeneutico dell'arte sociatrica.

L'arte sociatrica non è un prodotto estetico, ma uno strumento di cura sociale. Essa non è finalizzata a produrre emozioni o sensazioni estetiche, ma a promuovere la convivenza pacifica, l'inclusione sociale e la giustizia sociale.

Tutto il resto sono parole vacue, per magniloquenti pseudocritici in cerca di fama.

Venerdì 13 ottobre 2023

© Riproduzione riservata

334 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: