Alla scoperta di Sedna: il decimo pianeta del Sistema Solare

Destinazione Cosmo

“Destinazione Cosmo” è un blog che si occupa di argomenti legati alla Criminologia, alle Scienze Forensi ed alla Divulgazione Scientifica. Per ciò che concerne la Criminologia e le Scienze Forensi, troverete articoli e saggi che spaziano dai Serial Killer agli Omicidi Seriali; dal Satanismo alle tecniche di adescamento dei giovani; dal bullismo nelle scuole alla pedofilia; dalla “Sindrome del Bambino Maltrattato” alla violenza contro le donne; dai “Difetti della Giurisprudenza” al “Della Pubblica Felicità” di L. A. Muratori. E tanto altro.
Per quanto concerne, invece, la Divulgazione Scientifica, troverete articoli e saggi dedicati, soprattutto, al mondo dell’astronomia e delle scienze ad essa collegate. Tutto il materiale sarà correlato da una moltitudine di meravigliose foto dell’Universo scattate dalla Terra e dallo spazio.
Perché? Perché «Il mondo delle scienze fisiche ed il mondo delle scienze della vita sono separati ancor oggi da una terra di nessuno inesplorata», come disse il fisico italiano Mario Agèno. Ed è arrivato il momento di iniziare l’esplorazione.
Questi e tanti altri gli argomenti trattati in questo blog che si presenta con un carattere di novità sia culturale che didattica: la verifica scientifica.

Danila Zappalà

Danila Zappalà
Laureata in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Urbino, ha frequentato un Master di specializzazione di 2° livello in "Scienze Criminologico - Forensi" presso l’Università "La Sapienza" di Roma.
Conseguito il Diploma di Master con Lode e Pubblicazione della Tesi, ha fondato nel 2007 a Siracusa il Centro Studi Scienze Criminali di cui è attualmente Presidente. Tiene Corsi di Criminologia e Psicopatologia Forense, Conferenze e Seminari per le Forze dell’Ordine e per tutte le altre categorie professionali.
Da sempre appassionata di Astronomia è attualmente una Divulgatrice Scientifica che collabora con varie testate giornalistiche scrivendo per Rubriche di Criminologia e Scienze. Tiene Corsi di Astronomia, Conferenze e Seminari di Scienze ed è autrice di numerosi saggi ed articoli di Criminologia, Scienze Forensi e Divulgazione Scientifica.
Con la BookSprint Edizioni ha pubblicato nel 2013 un libro dal titolo “La Formazione degli Operatori Territoriali nella Prevenzione del Crimine” in vendita nelle migliori librerie d’Italia e, con la stessa Casa Editrice, sono in corso di pubblicazione “Crime Scene. Manuale di Criminologia e Scienze Forensi ” e “Astronomia Bambini. Lezioni di astronomia per alunni di scuola elementare e media”.

TAGS

Newsletter
Destinazione Cosmo

Mar 21

Alla scoperta di Sedna: il decimo pianeta del Sistema Solare

È ormai certo che esiste un decimo pianeta ai confini del Sistema Solare che orbita, insieme a quelli finora conosciuti, intorno alla nostra stella. Gli scienziati lo hanno chiamato Sedna...

di Danila Zappalà

sedna, asteroidi, decimo pianeta

2003 VB12 è un corpo celeste, classificato originariamente come asteroide, con un diametro di circa 1250 Km. Denominato Sedna dalla comunità scientifica internazionale, è ritenuto, da alcuni scienziati, il decimo pianeta del Sistema Solare. L’orbita di questo corpo celeste disegna un’ampia ellisse che viene percorsa tutta in circa 11.000, anni passando da poco meno di 90 a poco più di 900 UA dal Sole (UA =>Unità Astronomiche. Una UA equivale a 149.597.870 Km). Ciò fa di Sedna il corpo celeste più lontano del Sistema Solare che sia mai stato osservato e che, quindi, si conosca. Plutone, infatti, con il suo fedele compagno di viaggio Caronte, orbita intorno al Sole ad una distanza di “sole” 40 UA che sono pari a circa 6 miliardi di Km.

In verità, Plutone, come tutti ormai sanno, a più di 80 anni dalla sua scoperta, avvenuta nel lontano 1930, non ha tutte le carte in regola per essere considerato un pianeta vero e proprio e, dunque, non ha ancora un’identità ben precisa. Con il suo piano orbitale allungato, la sua forma e le sue dimensioni e pur avendo una luna che gli orbita intorno, un’atmosfera e delle stagioni, Plutone sembra, infatti, somigliare, più che ad un pianeta, alle centinaia di corpi celesti erranti, provenienti dalla cosiddetta “Fascia di Kuiper” che è quella specie di “cella frigorifero” da cui provengono la maggior parte delle comete conosciute e che è situata oltre i confini del Sistema Solare.

Per questo motivo, Neil De Grasse Tyson, direttore del New York’s Hayden Planetarium, qualche anno fa, lo ha provocatoriamente declassato togliendolo dalla categoria dei “corpi oscuri ruotanti attorno alla stella” per sistemarlo tra le comete sperdute ai confini del Sistema Solare.

Per avere delle certezze in merito, però, bisognerà aspettare il 2015, anno in cui la sonda lanciata nel 2006 dalla Nasa con la missione New Horizons, concepita per esplorare il sistema Plutone/Caronte e scandagliare la Fascia di Kuiper, sorvolerà il pianeta inviandoci i dati raccolti.

Ricordiamoci che l’ipotesi che in passato Plutone fosse un satellite di Nettuno, dalla cui orbita sarebbe in seguito sfuggito, perse credibilità dopo la scoperta di Caronte.

Ma, torniamo a Sedna.

Attualmente, si trova ad una distanza pari a circa 90 U.A. dal Sole e gli si dovrà avvicinare per altri 70 anni per raggiungere, nel 2075, il perielio ( => il “perielio” è il punto dell’orbita di un corpo celeste, pianeta, pianetino o cometa che sia, situato alla minima distanza dal Sole; si contrappone ad “afelio” che è, invece, il punto dell’orbita più lontana dal Sole). Le sue dimensioni sono note con una discreta precisione. Avendo una riflettività superficiale pari a quella degli altri corpi transnettuniani, Sedna si pone in testa a tutti gli altri corpi “minori” (cioè non considerati pianeti) scoperti fino ad oggi.

Tutto ebbe inizio, nell’anno 2000, con il dibattito accademico internazionale che ebbe luogo quando venne scoperto Veruna, un gigantesco asteroide che alcuni astronomi considerarono, inizialmente, il decimo pianeta del Sistema Solare. Per altri scienziati, invece, la scoperta di Veruna sembrò dimostrare, in maniera inconfutabile, che anche Plutone non è altro che un asteroide. Ma Veruna non fu altro che il primo dei grossi corpi celesti, provenienti dalla Fascia di Kuiper, ad essere scoperto. La scoperta di corpi remoti e remotissimi come Sedna è, infatti, da allora, in continuo aumento.

Lontano dal Sole, oltre l’orbita di Nettuno, il Sistema Solare è, dunque, popolato da un’infinità di corpi celesti di varie dimensioni, molto diversi dai pianeti interni. Anzi, per molto tempo, la ricerca del decimo pianeta, il famoso “Pianeta X”, è stata eclissata dal continuo susseguirsi di scoperte relative ad una moltitudine, sempre crescente, di piccoli corpi ghiacciati, orbitanti ad una distanza dal Sole superiore a quella di Nettuno.

Nel 1990, tra l’altro, le analisi effettuate dalle prime due sonde spaziali arrivate fino ai confini del Sistema Solare, la Pioneer 10 e la Pioneer 11, hanno rivelato che i percorsi orbitali dei pianeti non sono stati alterati dalla presenza di un decimo pianeta. La sua esistenza, dunque, pose seri interrogativi agli scienziati impegnati nella sua ricerca. Al posto del Pianeta X vennero trovati, invece, una moltitudine di piccoli corpi erranti. Queste scoperte suggerirono che nelle parti più esterne del Sistema Solare esistono una gran quantità di detriti, chiamati anche “avanzi primordiali”, risalenti al periodo in cui si è formato il nostro Sistema Solare e collocati in una regione esterna chiamata, appunto, Fascia di Kuiper, dal nome di Gerard Kuiper, lo scienziato che per primo ne ipotizzò l’esistenza. I primi due oggetti appartenenti alla suddetta Fascia di corpi erranti furono trovati a seguito di una ricerca iniziata nel 1987 ed effettuata dall’Università delle Hawaii nello spazio interplanetario oltre l’orbita di Plutone.

Nel 1992, usando un telescopio da 2,2 metri a Mauna Kea, gli astronomi David Jewitt e la collega Jane Luu, esaminando vaste porzioni del cielo notturno, trovarono il primo corpo errante ghiacciato, di circa 240 Km di diametro e distante quasi 8 miliardi di Km dal Sole. L’oggetto venne chiamato 1992 QP1 e fu battezzato SmileyNel marzo del 1993 i due scienziati ne trovarono un altro, che chiamarono KarlaGià nel 1996 si era arrivati a conoscere circa una trentina d’oggetti della Fascia (o Cintura) di Kuiper. Da allora è stato un susseguirsi di sorprendenti scoperte.

Secondo gli esperti, dunque, essendo la scoperta di oggetti remoti (di cui molti dotati di atmosfera) in continuo aumento, non c’è altro da fare che aspettare. Presto o tardi, infatti, si scopriranno molti altri oggetti, forse anche più grandi di Sedna e Plutone, che getteranno una nuova luce sul Sistema Solare ed anche sul nostro modo di concepirlo e considerarlo. Per adesso, pare che Sedna sia il principale candidato ad essere considerato il decimo pianeta del Sistema Solare sia per struttura che per dimensioni. 

Per il resto, aspettiamo e vediamo che succede.

© Riproduzione riservata

1582 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: