La politica fallimentare dell'Unione Europea. (traduzione dell'articolo in spagnolo)

Ultimi articoli
Newsletter

ANALISI GEOPOLITICA

La politica fallimentare dell'Unione Europea
(traduzione dell'articolo in spagnolo)

È già evidente che l'estrema subordinazione politico-militare dell'Unione Europea agli interessi geopolitici degli Stati Uniti, nel tentativo di indebolire la Russia,...

di Redazione

Europa
Europa

La politica fallimentare dell'Unione Europea

di Hedelberto López Blanch

Trad. di Roberto Casella

È già evidente che l'estrema subordinazione politico-militare dell'Unione Europea agli interessi geopolitici degli Stati Uniti, nel tentativo di indebolire la Russia, è costata a questi Paesi un grande danno economico, oltre che il discredito sulla scena internazionale.
Il Financial Times ha calcolato che le -sanzioni- anti-russe applicate dall'Ue hanno causato alle aziende che fanno affari in Russia perdite per oltre 100 miliardi di euro, in particolare alle compagnie petrolifere e del gas, ma anche alle società finanziarie, alle assicurazioni, alle banche, ai servizi pubblici e alle industrie automobilistiche.
Seguendo gli Stati Uniti nella loro ossessione di cercare di distruggere la Russia, l'Europa ha dovuto pagare prezzi elevati per un carburante molto più costoso, per lo più proveniente da Washington, e ha rotto importanti accordi e transazioni con il gigante eurasiatico.
Un rapporto pubblicato dall'agenzia Eurostat sottolinea che il volume di petrolio russo importato dai Paesi dell'Ue è sceso dal 29,2% (nel 2021) al 2,3% (nel giugno 2023), e quello del gas dal 38,5% al 12,9%, per lo stesso periodo.
Il prezzo per -liberarsi dalla dipendenza- dal carburante russo, come richiesto da Washington fin dall'inizio, è di circa mille miliardi di euro, che si è rivelato un affare calamitoso.
Le conseguenze di questo disastro sono già state ammesse dalle istituzioni e dai vari leader.
Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) sostiene che almeno più della metà dei Paesi dell'eurozona andrà incontro a recessioni tecniche con almeno due trimestri consecutivi di contrazione della produzione.
L'istituto statistico Eurostat ha riferito che le richieste di fallimento nell'Unione Europea hanno raggiunto un massimo di otto anni tra aprile e giugno 2023.
Nel secondo trimestre del 2023, il numero di fallimenti depositati dalle imprese dell'Ue è aumentato per il sesto trimestre consecutivo. Rispetto al trimestre precedente, è cresciuto dell'8,4%, raggiungendo così il livello più alto dall'inizio della raccolta dati nel 2015.
Rispetto al quarto trimestre pre-pandemia del 2019, i fallimenti sono aumentati dell'82,5% nel settore alberghiero e della ristorazione e del 56,7% nel settore dei trasporti e dei magazzini.
Il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto ha affermato senza mezzi termini che le sanzioni imposte dall'Occidente contro la Russia non hanno funzionato, rendendola uno zimbello mondiale. Ha aggiunto che la politica europea di sanzioni anti-russo è derisa in tutto il mondo e che affermare che queste restrizioni abbiano messo in ginocchio Mosca sarebbe una -poetica esagerazione-.
Il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock ha riconosciuto che le sanzioni economiche dovrebbero avere un impatto sulla Russia, ma non è stato così.
Altri si stanno rendendo conto dell'arroganza che ha sempre caratterizzato gli addetti ai lavori della Casa Bianca, come ha scritto Gérard Araud sul Telegraph: -Quando ero ambasciatore di Francia a Washington, ho capito fino a che punto i nostri eredi [degli Stati Uniti] ci guardavano apparentemente con un misto di indifferenza, stanchezza e negligenza. Eravamo la vecchia zia i cui sproloqui venivano più o meno gentilmente ignorati.
Uno dei maggiori colpi economici per il rifiuto del gas russo è stato inferto alla Germania, considerata la locomotiva dell'Unione.
Il governo federale tedesco ha confermato che l'economia del Paese ha rallentato per tre trimestri consecutivi fino alla fine di giugno.
L'inflazione sta facendo vacillare i consumi delle famiglie, le amministrazioni pubbliche si sono indebolite, i fallimenti delle grandi aziende sono aumentati e gli investimenti si sono contratti.
Un altro indice negativo è che l'aumento della disoccupazione dovuta a fallimenti inaspettati ha come conseguenza diretta l'aumento dei tassi di povertà.
I dati della Federazione europea delle associazioni che lavorano con i senzatetto (Feantsa) indicano che più di 900.000 persone vivono per strada nell'Unione Europea e nel Regno Unito, una cifra superiore a quella del 2019.
Di fronte a queste realtà, fino a che punto l'Ue continuerà a seguire le linee guida emanate da Washington? È sempre più chiaro che i leader dell'Ue, la maggior parte dei quali sono milionari con partecipazioni in grandi aziende, stanno voltando le spalle ai loro cittadini per ingraziarsi gli Stati Uniti.
La verità è che la politica di estorsione nei confronti della Russia è fallita, poiché è diventata una delle cinque maggiori economie del mondo.
Per l'Occidente, invece, sembra essersi ritorta contro.

Venerdì 15 settembre 2023

© Riproduzione riservata

438 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: