Artisti a Taggia, con il convinto sostegno del sindaco Conio e dell'assessore Chiara Cerri

Ultimi articoli
Newsletter

Il tocco dell'arte ha vivacizzato il giacimento artisitico del borgo di taggia

Artisti a Taggia, con il convinto sostegno del
sindaco Conio e dell'assessore Chiara Cerri

Decine di artisti per le vie del borgo storico, il secondo per estensione e bellezza del Ponente ligure, grazie a Doriana Della Volta. Il sociologo dell'arte Sergio Bevilacqua spiega il futuro della critica d'arte

di Maria Antonietta Centoducati

La curatrice d'arte Doriana Della Volta e il critico d'arte, sociologo dell'arte Sergio Bevilacqua
La curatrice d'arte Doriana Della Volta e il critico d'arte, sociologo dell'arte Sergio Bevilacqua

29 e 30 aprile 2023: una due giorni densa di contenuti e di grande civiltà artistica. L'arte italiana ha dimostrato la sua grande vitalità, fuori dagli schemi intellettualistici e dalle pretese estetiche di un Umanesimo distorto e disarticolato. Decine di artisti, da tutti i punti d’Italia hanno mostrato il vigore della varietà e della loro ricerca espressiva, dando altra vita a un borgo di grande charme e dimostrando come quelle pietre secolari possano essere humus se si piantano i semi della bellezza e della passione.

Paola Bonacini
Paola Bonacini

Pittori, scultori, mosaicisti, fotografi e autori di tecniche miste hanno acceso di luce spirituale i caruggi taggiaschi, generosamente offerti dal Comune: l’adesione entusiasta dell’amministrazione è segno che l’intuizione di assecondare la riproduzione dei giacimenti culturali con altra cultura e non di lasciarli al consumo del tempo e del turismo è idea proficua.

Thea Vasta
Thea Vasta
Antibrote, arte digitale
Antibrote, arte digitale

Il Tocco dell’arte, dunque, come quello di una bacchetta magica, ha illuminato Taggia. Gli artisti, espressione di un inconscio autore di magia sul borgo storico, sono stati i grandi protagonisti. La gran parte erano presenti, venuti da ogni punto dello Stivale e anche dall'estero, alcuni hanno inviato le opere e altri ancora hanno partecipato alla pubblicazione del catalogo che immortala l’evento che, oltre agli interventi di rito, spiega il senso di questa originale proposta.

Essa è dovuta alla curatrice d'arte Doriana Della Volta, che così commenta il successo dell’evento: “È stato bellissimo vedere il mio borgo colmo di vita e di colori, di forme originali e di effetti catartici e stranianti”.

Sara Alberani
Sara Alberani
Arianna Lorenzin
Arianna Lorenzin

Sì, perché a Taggia ha fatto sfoggio di sé un elemento assente in questa dimensione in tutto il resto del mondo: la grande varietà che esprimono gli artisti italiani, a differenza della estetica algida e rarefatta che s’incontra nei paesi d’oltralpe e d’Occidente, che sono ancora coinvolti nella freddezza di tanta contemporary ormai alla deriva. L’uso dei colori e anche della materia sulla tela, in una serie indefinita di percorsi estetici ha mostrato un fenomeno unico: così numerosi, gli stilemi sono vivi solo in Italia.

Lara Leonardi
Lara Leonardi

Il Belpaese si conferma culla della vera varietà dell’umano nelle arti visive, quella varietà che altrove sembra sia stata violata da elementi semiologici intellettualistici ed esageratamente concettuali, che richiedono interpretazione e non si prestano a una catarsi immediata. Invece, l’arte corrente italiana non richiede protesi semantiche nel lavoro critico, ma solo altra vivezza.

Il Sindaco, Arch. Conio
Il Sindaco, Arch. Conio
L'assessore alla cultura, avv. Chiara Cerri
L'assessore alla cultura, avv. Chiara Cerri

Certo il figurativo puro, esercizio anche d’accademia, ha lasciato in parte il campo a costruzioni semiologiche fatte quasi per sorprendere, ma la migliore origine di un secolo e mezzo di arte para-macchiaiola ha resistito. Così spiega il sociologo dell’arte e per quel verso principalmente critico d’arte, prof. Sergio Bevilacqua, alla presenza dell’assessore Chiara Cerri e del sindaco Mario Conio, in questo video realizzato in Taggia da Tele Sanremo il giorno dell’inaugurazione: https://www.youtube.com/watch?v=KMtAoi02VcQ

Dopo Taggia all'estremo nord, ora Ortigia, Siracusa, all'estremo sud dell'Italia. L'arte non ha confini!
Dopo Taggia all'estremo nord, ora Ortigia, Siracusa, all'estremo sud dell'Italia. L'arte non ha confini!

E ora da Taggia, i percorsi dell’arte toccano Ortigia, al punto opposto d’Italia, in Sicilia. Sempre Italia, quella dell’arte e della migliore vita umana.

(TOCCARE L'IMMAGINE PER INGRANDIRLA)

Martedì 27 giugno 2023

© Riproduzione riservata

880 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: