Salvare il matrimonio finché si è in tempo

Psicologia e salute

È il blog pensato per chi desidera ricevere in modo rapido e semplice informazioni relative al mondo del disagio psicologico. Le tematiche affrontate riguardano argomenti di vita quotidiana, come per esempio la comunicazione; argomenti relativi alla sfera affettiva, per esempio la relazione tra uomo e donna, la philofobia o paura d'amare; temi relativi a disturbi psichici quali ansia, depressione, autostima, dipendenze.
Le teorie di riferimento utilizzate nella descrizione degli argomenti sono: l'Analisi Transazionale e la Psicoanalisi. Chi invece desidera una consultazione per un colloquio e/o per intraprendere un percorso di analisi può telefonare al 393.4753696. Riceve in studio privato a Milano.

Sabrina D'Amanti

Sabrina D'Amanti
Psicologa e psicoterapeuta, è specializzata in Analisi Transazionale. Per anni ha lavorato nelle scuole come psicologa scolastica e dal 2005 svolge la libera professione come psicoterapeuta. Si occupa di psicoterapia individuale, di gruppo, di coppia e familiare e di consulenza alle famiglie sui disagi relativi ai bambini e agli adolescenti. Blogger di Reteluna.it, pubblica articoli di psicologia rivolti a pubblico generico.
Ha divulgato due articoli specialistici sull'Analisi Transazionale e nel 2011 con Xenia un libro sui giochi psicologici, «I giochi dell'Analisi Transazionale: come riconoscerli e liberarsene». Un testo che fa varie aggiunte al testo di Eric Berne, fondatore dell'Analisi Transazionale.
Il testo affronta il tema della comunicazione disfunzionale, analizzando ciò che accade quando all'interno della conversazione si crea uno stato di tensione e alla fine si rimane male. Questo tipo di dinamiche sono dette "giochi": si tratta di condotte messe in atto da tutti, ma senza consapevolezza (la frequenza e la gravità con cui vengono mosse cambia da persona a persona in relazione alla gravità del disagio psicologico personale). Lo scopo del libro è analizzare le varie dinamiche (ne vengono riportate circa 30) e mostrare, anche attraverso i numerosi esempi, cosa fare per non finire dentro a queste "trappole" o per uscirne prima possibile quando capita di entrarci.

Newsletter
Psicologia e salute

Apr 5

Salvare il matrimonio finché si è in tempo

Risoluzione della crisi di coppia

di Sabrina D'Amanti

terapia di coppia

In questo breve articolo mostrerò, attraverso la descrizione di un caso da me seguito, come sia possibile salvare il matrimonio se la crisi di coppia viene affrontata nel giusto modo e in tempo.

Lo scorso inverno mi consultò un uomo di mezza età (55 anni), mi disse che il suo matrimonio era in crisi da un anno, che aveva provato a conoscere altre donne, che era confuso e voleva capire se chiudere la relazione con la moglie.

Per prima cosa ho cercato di appurare quali erano le ragioni della crisi e se il sentimento che li aveva uniti era finito oppure no.

La crisi era dovuta in parte a varie vicende spiacevoli di vita che avevano riguardato lui, in parte al fatto di essersi sentito trascurato dalla moglie per lungo tempo. Nel corso dei nostri incontri abbiamo lavorato sulle ragioni della sua tristezza. Si è accorto che nelle altre donne non trovava la sintonia e l’affinità che invece aveva avuto con sua moglie. Ha capito che se da una parte la moglie (troppo presa dalla routine quotidiana) lo trascurava un po’, dall’altra lui però non aveva fatto nulla per chiedere a lei maggiori attenzioni o per comunicarle il suo disagio. Nel frattempo si era preso una casa per i fatti suoi (serviva a verificare che effetto faceva stare lontano dalla moglie). Dal lavoro fatto insieme si è accorto che il sentimento per la moglie era ancora vivo. Quindi ha iniziato una fase di riavvicinamento, hanno iniziato a vedersi di nuovo.

Nell’ultima fase dei nostri incontri in lui era tornato il sorriso, mi disse che con la moglie stava vivendo un secondo fidanzamento. Avevano iniziato a fare quel che per tanto tempo lui avrebbe voluto: uscire insieme, fare passeggiate, piccole gite fuori porta. Mi disse che anche la moglie era contenta di questo riavvicinamento e cambiamento. A quel punto i nostri incontri si sono conclusi, il matrimonio era stato salvato.

È possibile salvare un matrimonio se l’intervento viene fatto quando la crisi non è orami una realtà cronica, se la crisi si protrae per troppo tempo c’è il rischio che, del sentimento che ha unì le due persone, non sia rimasto più nulla.

Dott.ssa Sabrina D'Amanti psicologa e psicoterapeuta

Studio di psicoterapia a Milano

cell. 393.4753696 - mail: sabridama@tiscali.it

© Riproduzione riservata

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: