La depressione

Psicologia e salute

È il blog pensato per chi desidera ricevere in modo rapido e semplice informazioni relative al mondo del disagio psicologico. Le tematiche affrontate riguardano argomenti di vita quotidiana, come per esempio la comunicazione; argomenti relativi alla sfera affettiva, per esempio la relazione tra uomo e donna, la philofobia o paura d'amare; temi relativi a disturbi psichici quali ansia, depressione, autostima, dipendenze.
Le teorie di riferimento utilizzate nella descrizione degli argomenti sono: l'Analisi Transazionale e la Psicoanalisi. Chi invece desidera una consultazione per un colloquio e/o per intraprendere un percorso di analisi può telefonare al 393.4753696. Riceve in studio privato a Milano.

Sabrina D'Amanti

Sabrina D'Amanti
Psicologa e psicoterapeuta, è specializzata in Analisi Transazionale. Per anni ha lavorato nelle scuole come psicologa scolastica e dal 2005 svolge la libera professione come psicoterapeuta. Si occupa di psicoterapia individuale, di gruppo, di coppia e familiare e di consulenza alle famiglie sui disagi relativi ai bambini e agli adolescenti. Blogger di Reteluna.it, pubblica articoli di psicologia rivolti a pubblico generico.
Ha divulgato due articoli specialistici sull'Analisi Transazionale e nel 2011 con Xenia un libro sui giochi psicologici, «I giochi dell'Analisi Transazionale: come riconoscerli e liberarsene». Un testo che fa varie aggiunte al testo di Eric Berne, fondatore dell'Analisi Transazionale.
Il testo affronta il tema della comunicazione disfunzionale, analizzando ciò che accade quando all'interno della conversazione si crea uno stato di tensione e alla fine si rimane male. Questo tipo di dinamiche sono dette "giochi": si tratta di condotte messe in atto da tutti, ma senza consapevolezza (la frequenza e la gravità con cui vengono mosse cambia da persona a persona in relazione alla gravità del disagio psicologico personale). Lo scopo del libro è analizzare le varie dinamiche (ne vengono riportate circa 30) e mostrare, anche attraverso i numerosi esempi, cosa fare per non finire dentro a queste "trappole" o per uscirne prima possibile quando capita di entrarci.

Newsletter
Psicologia e salute

Apr 5

La depressione

Il male oscuro

di Sabrina D'Amanti

la depressione

La depressione è un malessere che può togliere per lungo tempo gioia alla vita. In alcuni casi si tratta di una condizione dell’umore permanente, ovvero la persona ha un costante umore triste; in altri la tristezza affiora in modo ricorrente, ma non è persistente; infine nei casi peggiori essa si manifesta in modo devastante, è quanto accade nel “Disturbo Depressivo Maggiore” i cui sintomi principali sono visione nera della realtà e perdita dell’interesse per le cose che si facevano prima. In questi casi il soggetto è privo di forze, non riesce a gioire per nessuna cosa e tende a pensare di non valere nulla, di non essere capace a fare niente e che non merita di vivere. Il rischio di suicidio correlato alla depressione è infatti molto alto. La primavera e l’autunno sono periodi in cui chi soffre di depressione tende ad avere ricadute. Il modo per contrastare questo problema può essere sia farmacologico che psicologico. Il rimedio farmacologico dà sollievo ai sintomi, ma non rimuove le cause che vi stanno sotto quindi, passato il beneficio, il problema tende a ripresentarsi, la terapia psicologica o psicoterapia invece va a fondo alle cause da cui la depressione ha origine, per cui consente di venirne fuori in modo permanente.

Le cause psicologiche di questo disturbo vanno rintracciate nella storia personale di chi ne soffre e nel suo stile di pensiero. Da un punto di vista organico, nel disturbo depressivo si registra un alterato funzionamento neurotrasmettitoriale a carico di vari neurotrasmettitori tra cui la serotonina e la noradrenalina, interpretare però questo come causa genetica sarebbe assolutamente riduttivo. Non va sottovalutato che la qualità dei pensieri che facciamo determina il tipo di neurotrasmettitori rilasciati a livello sinaptico. Ne consegue che l’alterato funzionamento neurotrasmettitoriale presente negli stati depressivi è correlato all’insieme di pensieri che caratterizzano e accompagnano tale stato, ovvero a quei pensieri che si riferiscono alla considerazione che la persona ha di se stessa, al modo in cui si rapporta alle situazioni della vita (a quelle piacevoli e a quelle problematiche), al modo in cui si pone in relazione con gli altri, ed è su questi aspetti che occorre lavorare, con la finalità di modificarli, in sede psicoterapica se si vuole realmente fronteggiare il problema.

© Riproduzione riservata

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: