Invito ad una scrittura autentica. Il privilegio di chi scrive è avere dei lettori

Ultimi articoli
Newsletter

Le parole pesano, ma è giusto così, altrimenti non ci sarebbero le differenze

Invito ad una scrittura autentica
Il privilegio di chi scrive è avere dei lettori

Il privilegio di chi scrive è di avere dei lettori. Quando si scrive, si offre la propria parola a qualcuno, per cui non si può mentire, non ci si deve per forza mettere in mostra. O, per forza, non ci si deve dimostrare i più bravi

di Antonio Rossello

Scrittura
Scrittura

Il privilegio di chi scrive è di avere dei lettori. Quando si scrive, si offre la propria parola a qualcuno, per cui non si può mentire, non ci si deve per forza mettere in mostra. O, per forza, non ci si deve dimostrare i più bravi. Le parole pesano, ma è giusto così, altrimenti non ci sarebbero le differenze. Dovrebbe quindi valere una scrittura autentica, intesa in termini di semplicità assoluta, che rinunci ai virtuosismi o ai narcisismi. Poi, questa scrittura autentica dovrebbe basarsi soltanto sul proprio vissuto, in termini di esperienze o conoscenze effettive, unitamente al coraggio di dare chiara evidenza ai fatti e alle fonti. Tutto il resto è lo sfoggio di finti blablà: «Io sono, io dico, io faccio, io so, io, io, io solo io! …», di cui molto si legge in giro, in cui chi scrive può cadere per vanità o superbia, peggio ancora se prendendo a pretesto argomenti gravi o importanti, che dovrebbero essere trattati con serietà e scrupolo oggettivo, solo per catturare maggiore attenzione. Magari capita qualche volta pure a me di incorrere in questo tranello, spero poche. Accetto critiche al riguardo.

Tutto ciò premesso, in questi giorni, ho ritrovato in rete un link: https://www.braviautori.it/osservando-la-sfinge.html , relativo ad un mio resoconto, dal titolo: -Osservando la Sfinge-, inerente al viaggio che feci 10 anni fa, proprio nel febbraio 2012, in Egitto, nel pieno del periodo della primavera araba.

Riguardandone i testi e le immagini, mi è balzata agli occhi una frase che scrissi per l’occasione:

«Volendo essere onesti, non si può scrivere che dei propri vissuti personali, ben sapendo quanto possano essere soggettive le considerazioni che ne derivano, ma intendendo pure che dalla coscienza di non poter esprimere una verità obiettiva sorge la maggior credibilità di questi scritti, in fondo forse, per essere così, più accessibili alla risonanza altrui».

Queste parole, oggi, si trasformano nell’invito ad una scrittura autentica, che qui lancio.

Martedì 22 febbraio 2022

© Riproduzione riservata

256 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: