Il sindaco Vergellato ha ricevuto in dono un dipinto riprodotto all’interno

Ultimi articoli
Newsletter

«Quella terribile stagione», un volume che parlerà non solo di Roccaverano

Il sindaco Vergellato ha ricevuto in dono
un dipinto riprodotto all’interno

L’occasione è stata la Festa della Robiola di Roccaverano D.O.P.Roccaverano (A T) - X I X Fiera Carrettesca, tenutasi dal 28 al 30 giugno. Erano presenti Elisa Gallo, Centro X X V Aprile, Sezione «Alto Monferrato e Langhe», e l’autore, Beppe Ricci

di Redazione

Foto di gruppo
Foto di gruppo

Roccaverano. A Roccaverano (AT), al confine tra l'astigiano e l'acquese, la resistenza fu aspra ed accanita. Almeno tre celebri comandanti partigiani: Matteo Abbindi, «Biondino», Oscar Gangemi, «Morgan», e Olimpio Marino, «Freccia», operarono con le proprie formazioni su questo scenario di boschi, calanchi, valloni a strapiombo e viti sempre più rare, che cedono il posto ai pascoli, dell'Alta Langa. Sullo sfondo dell’epoca, esistono storie di uomini e cronache di vicende che vari testi hanno cercato di ripercorrere. E questo non tanto perché i fatti siano già divenuti lontani nel tempo, ma perché essi non sono spesso adducibili a fonti affidabili. È di prossima pubblicazione, con il patrocinio del Centro XXV Aprile, un libro intitolato: «Quella terribile stagione», che, a sua volta, tratterà l’argomento, rivolgendosi anche ad episodi avvenuti intorno alla piccola capitale della Langa Astigiana e, pertanto, a Roccaverano sarà presentato. Tra le pagine interne, un frammento evocativo del paesaggio del paese più alto, che giustifica l'essenza montana dell'intero territorio, è reso dalla riproduzione di un acquerello. Il sindaco, Fabio Vergellato, ha ricevuto in dono copia dell’opera (foto). Erano presenti Elisa Gallo, presidente del Centro XXV Aprile, Sezione «Alto Monferrato e Langhe», e l’autore, Beppe Ricci. L’occasione è stata la Festa della Robiola di Roccaverano D.O.P.Roccaverano (AT) - XIX Fiera Carrettesca, tenutasi dal 28 al 30 giugno, durante la quale i visitatori sono stati accolti con un programma i cui ingredienti principali sono stati: il celebre il celebre formaggio caprino piemontese, prodotti tipici cucinati dalle Pro Loco territoriali, le i pregiati vini del comprensorio e pure la musica.

Lunedì 1 luglio 2019

© Riproduzione riservata

313 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: