Il mio pianto libero sulla pandemia

Ultimi articoli
Newsletter

alessandro sportiello

Il mio pianto libero sulla pandemia

Uno sfogo di dolore e di speranza per una situazione in cui dal male possa scaturire il bene

di Alessandro Sportiello

Alessandro Sportiello
Alessandro Sportiello

Il mio pianto che bagna un fiore ancora da sbocciare.
Lacrime che goccia dopo goccia alimentano la speranza, ma nel contempo cadono per il pensiero delle migliaia di morti innocenti.
Piango per una guerra non dichiarata che sta facendo una mattanza, una strage. Un pianto di sfogo, di rabbia ma che deve alimentare anche la positività, che contrasti la delusione, il rammarico, l'indifferenza, l'ignoranza delle persone che senza validi motivi escono di casa; facendo male a loro stessi e agli altri.
Piango per l'incapacità di un mondo globale che non è capace di distruggere un nemico microscopico, un Virus letale.
La superbia dell'uomo viene annientata, abbattuta, sconfitta da un essere invisibile all'occhio umano.
La Pianta della speranza possa rinvigorire il cuore dell'uomo, rendendolo più mite, più umano, più sensibile.
Una Pianto Libero che possa sensibilizzare e far germogliare altre piante. Uomo svegliati, rifletti, rafforza il tuo spirito combattivo e adoperalo per mettere in campo l'essenza della nostra vita: l'amore per il prossimo e la fratellanza.

Domenica 5 aprile 2020

© Riproduzione riservata

280 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: