«I segni della Liturgia e le quattro Tempora». Santificazione del tempo delle quattro stagioni

Ultimi articoli
Newsletter

LE RIFLESSIONI DI VINCENZO PUNZO

«I segni della Liturgia e le quattro Tempora»
Santificazione del tempo delle quattro stagioni

La tradizione delle quattro tempora era originariamente legata alla santificazione del tempo delle quattro stagioni, l’inizio delle quattro stagioni (quattro tempora) si ricorda il mercoledì, il venerdì e il sabato

di Vincenzo Punzo

Santificazione del tempo delle quattro stagioni
Santificazione del tempo delle quattro stagioni

La tradizione delle quattro tempora era originariamente legata alla santificazione del tempo delle quattro stagioni, l’inizio delle quattro stagioni (quattro tempora) si ricorda il mercoledì, il venerdì e il sabato:

dopo la V^ domenica di Avvento INVERNO

dopo la I^ domenica di Quaresima PRIMAVERA

dopo la Domenica di Pentecoste ESTATE

dopo la III^ domenica di Settembre AUTUNNO

INVERNO

Nella stagione invernale la natura riposa e si rigenera nell’attesa di una rinnovata fecondità.

Perché il seme che il lavoratore dei campi ha affidato alla terra fruttifichi e produca un raccolto abbondante, e non manchi a nessuno il pane quotidiano, e la terra non sia resa schiava degli egoismi individuali e collettivi, ma secondo il disegno di Dio offra i beni necessari per la vita di ogni uomo e per lo sviluppo di tutte le nazioni.

PRIMAVERA

La Pasqua è il cuore dell’anno liturgico, tempo del risveglio in Cristo nostro Signore, primavera dello Spirito come il creato, così anche la chiesa, affinché l’uomo moderno sappia comprendere il prodigio della creazione che ogni anno si rinnova.

ESTATE

La stagione estiva piena di sole e di vita sembra manifestare la fecondità e la gioia scaturita dalla Pentecoste; il Signore benedica il lavoro dei campi e delle officine, renda feconda ogni iniziativa per liberare l’uomo dalla schiavitù morale e materiale e per debellare la miseria e la fame nel mondo.

AUTUNNO Si fa festa insieme, perché Dio ha benedetto il lavoro dei campi, noi abbiamo seminato e irrigato, la Provvidenza ha dato fecondità giorno dopo giorno, l’uomo con il lavoro delle braccia e con le tecniche più avanzate si è fatto collaboratore di Dio al progetto della creazione sia ringraziato il Signore. L’autunno è la stagione dell’ultimo raccolto, della semina e della ripresa in ogni settore della vita comunitaria.

Savona, 24 settembre 2019 

Martedì 15 ottobre 2019

© Riproduzione riservata

112 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: