Gender Pro Vita & Famiglia: -Vittoria del buon senso. Via la disforia di genere in ore protette-

Ultimi articoli
Newsletter

COMUNICATO STAMPA

Gender Pro Vita & Famiglia: -Vittoria del buon
senso. Via la disforia di genere in ore protette-

-La chiamavamo Mamma Rai, ma l’Italia s‘è desta. È la vittoria del buon senso. Il gender in tv in tempi di coronavirus non poteva passare e l’indignazione sollevata...

di Uff. Stampa Pro Vita & Famiglia

Mamma Rai
Mamma Rai
Caterina Balivo
Caterina Balivo

COMUNICATO STAMPA

Gender

Pro Vita & Famiglia: -Vittoria del buon 

Roma, 15 marzo 2020

-La chiamavamo Mamma Rai, ma l’Italia s‘è desta. È la vittoria del buon senso. Il gender in tv in tempi di coronavirus non poteva passare e l’indignazione sollevata da più voci ha ottenuto che i palinsesti ideologici e non adatti ai bambini da adesso in poi vengano tolti dalle fasce protette, come invece vergognosamente è stato fatto nella trasmissione -Vieni da me- condotta da Caterina Balivo- hanno dichiarato Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vicepresidente di Pro Vita & Famiglia, onlus organizzatrice del Congresso delle Famiglie di Verona.

-L'intervista nel primo pomeriggio andata in onda sul tema della disforia di genere e della transessualità, in un momento tanto delicato per il nostro Paese, è stata una coltellata alle spalle alle tante famiglie italiane che in questi giorni con i loro bambini sono davanti alla tv per passare qualche ora di svago oltre che di informazione. Siamo grati al Presidente della Rai Foa che ha informato come l'offerta al pubblico, soprattutto nelle prossime settimane, prenderà in considerazione le osservazioni e i richiami intervenuti su tematiche tanto intime e delicatissime, cercando di estendere le tutele previste per le fasce protette e modificare di conseguenza le modalità dell'intrattenimento- hanno concluso. 

- - -

Uff. Stampa Pro Vita & Famiglia

Lunedì 16 marzo 2020

© Riproduzione riservata

162 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: