Conversazioni irritanti

Psicologia e salute

È il blog pensato per chi desidera ricevere in modo rapido e semplice informazioni relative al mondo del disagio psicologico. Le tematiche affrontate riguardano argomenti di vita quotidiana, come per esempio la comunicazione; argomenti relativi alla sfera affettiva, per esempio la relazione tra uomo e donna, la philofobia o paura d'amare; temi relativi a disturbi psichici quali ansia, depressione, autostima, dipendenze.
Le teorie di riferimento utilizzate nella descrizione degli argomenti sono: l'Analisi Transazionale e la Psicoanalisi. Chi invece desidera una consultazione per un colloquio e/o per intraprendere un percorso di analisi può telefonare al 393.4753696. Riceve in studio privato a Milano.

Sabrina D'Amanti

Sabrina D'Amanti
Psicologa e psicoterapeuta, è specializzata in Analisi Transazionale. Per anni ha lavorato nelle scuole come psicologa scolastica e dal 2005 svolge la libera professione come psicoterapeuta. Si occupa di psicoterapia individuale, di gruppo, di coppia e familiare e di consulenza alle famiglie sui disagi relativi ai bambini e agli adolescenti. Blogger di Reteluna.it, pubblica articoli di psicologia rivolti a pubblico generico.
Ha divulgato due articoli specialistici sull'Analisi Transazionale e nel 2011 con Xenia un libro sui giochi psicologici, «I giochi dell'Analisi Transazionale: come riconoscerli e liberarsene». Un testo che fa varie aggiunte al testo di Eric Berne, fondatore dell'Analisi Transazionale.
Il testo affronta il tema della comunicazione disfunzionale, analizzando ciò che accade quando all'interno della conversazione si crea uno stato di tensione e alla fine si rimane male. Questo tipo di dinamiche sono dette "giochi": si tratta di condotte messe in atto da tutti, ma senza consapevolezza (la frequenza e la gravità con cui vengono mosse cambia da persona a persona in relazione alla gravità del disagio psicologico personale). Lo scopo del libro è analizzare le varie dinamiche (ne vengono riportate circa 30) e mostrare, anche attraverso i numerosi esempi, cosa fare per non finire dentro a queste "trappole" o per uscirne prima possibile quando capita di entrarci.

Newsletter
Psicologia e salute

Apr 5

Conversazioni irritanti

Le trappole della comunicazione

di Sabrina D'Amanti

la comunicazione disfunzionale

Dedico questo breve articolo a tutti quelli che oggi hanno passato un brutto quarto d’ora dentro a una discussione avvelenata.

Se siete finiti dentro a una conversazione ambigua, nella quale più vi addentravate e più vi sembrava di non poterne venire a capo, mentre vi assaliva una sgradevole sensazione allo stomaco e alla fine avete provato un senso di stordimento, di irritazione e delusione, di certo siete stati dentro a un "gioco psicologico". In questi casi è innanzitutto necessario capire cosa è accaduto, cioè qual era il vero oggetto del contendere e quindi cosa si nascondeva sotto le reciproche battute o tra le righe della conversazione.

I giochi psicologici sono infatti per loro natura ambigui, ovvero apparentemente trattano un argomento, nei fatti il tema è un altro. Il passo successivo è capire qual è il vostro punto debole con il quale ci siete finiti dentro, a quale risultato volevate arrivare, cosa voleva dimostrare il vostro interlocutore, quale mossa alternativa avreste potuto fare per non finire dentro a un simile “labirinto” e infine quali accorgimenti usare la prossima volta in modo da non ricaderci.

Per dare risposta a questi quesiti occorre avere ben chiaro cosa siano i giochi psicologici, quali sono quelli che la gente mette in atto e come solitamente si sviluppano, a tal fine vi può essere di aiuto il mio libro ("I Giochi dell’Analisi Transazionale. Come riconoscerli e liberarsene”, autrice Sabrina D’Amanti, ed. Xenia). Nel libro, oltre ad avere la descrizione di più di 30 giochi, trovate la guida per analizzarli e decodificarne gli aspetti ambigui, inoltre grazie ai numerosi esempi riportati potrete comprende meglio come essi si sviluppano e come applicare le mosse utili per non ricaderci.

Liberasi dai giochi rende assai più serena e piacevole la vita relazionale in genere dal momento che questi ricorrono in tutte le situazioni in cui si è in relazione con un'altra persona, quindi nel rapporto di coppia, nelle amicizie, tra genitori e figli, tra fratelli, tra colleghi di lavoro, tra vicini di casa e persino tra sconosciuti.

Dott.ssa Sabrina D'Amanti psicologa e psicoterapeuta

cell. 393.4753696 mail sabridama@tiscali.it

Studio di psicoterapia a Milano

© Riproduzione riservata

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: