Avvicinarsi all'altro da noi

Strana-mente

«Strana-mente». Psicologia, vita, racconti e dintorni. Paola Guaini ci porta alla scoperta della psicologia nella sua esperienza nel quotidiano, della vita nelle sue varie sfaccettature, idiosincrasie e imprevisti, racconti sparsi, con poesie e riflessioni ad accompagnare il tutto.

Paola Guaini

Paola Guaini
Sono nata nell'agosto dell'83 in un piccolo paese della provincia di Brescia. Ho avuto un'infanzia difficile ma non mi lamento. Ho volto a mio favore guai e disguidi e sono riuscita, fino ad ora, a fare quello che volevo della mia vita.
Mi sono laureata nell’ottobre 2010 in Psicologia clinico-dinamica presso l’Università degli Studi di Padova e dal 6 dicembre 2013 svolgo la professione di Psicologa. Cerco sempre di trarre qualche insegnamento da ogni giornata e di diventare, passo passo, sempre più consapevole di me stessa e in armonia con ciò che mi circonda.

Newsletter
Strana-mente

Feb 3

Avvicinarsi all'altro da noi

di Paola Guaini

vita, straniero, altro, noi, crescere, cultura, economia, potenziale, noi stessi, evoluzione, pelle, colore, genere, razza, scoperta, idee, ostacoli, rispetto, esistere, avvicinare, riuscire, coscienza, natura, una, modo, paradigma, politica, mass media, società, cosmopolita, visione, novità, cambiamento

In una società contemporanea dove viene instillato attraverso i mass media e vari gruppi politici, in modo sottile e velato o alle volte plateale e oserei dire anche volgare la paura del "diverso", attaccandolo in modo estremo, sia povero che ricco che appartenente a cariche istituzionali, bisogna creare una nuova coscienza e un nuovo spirito che non solo ci avvicini a nuove culture, nuove visioni del mondo e nuove rotte, ma che ci permetta anche di essere persone veramente in contatto, in contatto con noi stesse e con l'altro, mantenendo il proprio pensiero fluido, libero e critico in modo tale da sconfiggere la paura che non viene da dentro di noi, ma che le gerarchie e l'informazione ci proiettano continuamente e incessantemente dentro la "testolina", perché la divisione è il miglior modo per mantenere il controllo e lo status quo.

Se impariamo a unire al posto che dividere, le idee cominceranno a fluire prima nelle città della stessa nazione poi via via in tutto il mondo.

Solo in questo modo la coscienza potrà veramente emergere e la coscienza è per sua natura una.

Qualche sentore di evoluzione umana e di condivisione tra i popoli esiste già, ma è un percorso lungo e pieno di ostacoli che può essere affrontato solo se riusciamo a scorgere noi stessi e il nostro potenziale al di là dei confini razziali, culturali, ideologici e politici con cui siamo stati cresciuti fin da piccoli.

Modificare noi stessi per modificare il paradigma.

E allora potremmo scoprire che essere gli uni per gli altri si può e può fare anche crescere la cultura, il lavoro, l'economia e la vita... di qualunque colore sia la tua pelle.

© Riproduzione riservata

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: