A colloquio con padre Bartolomeo Sorge

Ultimi articoli
Newsletter

tra progressismo e tradizionalismo

A colloquio con padre Bartolomeo Sorge

Dopo la Democrazia Cristiana e dopo la diaspora dei cattolici in politica

di Gianluca Valpondi

Bartolomeo Sorge
Bartolomeo Sorge

Non la pensiamo uguale, grazie a Dio; altrimenti come faremmo a litigare? Dovremmo fingere. Sì, perché ho voluto prendere sul serio l’invito del Papa nella terra di don Pino Puglisi, l’invito a litigare coi propri nonni. I miei nonni sono già di Là, perciò sono andato da uno che avendo quasi novant’anni e avendone io quasi quaranta mio nonno lo potrebbe anche essere. Padre Bartolomeo Sorge mi conosce come collaboratore de La Croce e anche come sostenitore del Popolo della Famiglia, dunque inevitabilmente il discorso è andato a finire lì. Senza le necessarie mediazioni, ci ammonisce duramente Sorge, si rimane fuori dalla storia, politicamente forse ad un ininfluente 2%, si fa, in pratica, la riserva dei cattolici. E si fa anche il suicidio della società, se la società mette all’angolo la famiglia. È, in effetti, pericoloso separare Dio dalle mediazioni di Dio, si finisce nell’integrismo. Anche perché Dio si è fatto mediazione, anzi Mediatore. Eppure potrebbe essere dirimente e liberante il libero intervento dell’unica mediatrice all’unico mediatore: “nel tempo dei dieci segreti il potere di satana verrà infranto”, così la Gospa, ma non è (ancora) approvata. Lo è invece un dottore di recente nomina, Ildegarda di Bingen, che poi citerò. Intanto teniamo presente che ogni grazia, lo si voglia o meno, lo si sappia o meno, passa dalla beata vergine Maria, perché Dio l’ha voluta necessaria alla nostra salvezza e lei è madre di tutti, credenti non credenti diversamente credenti. Dicevamo, le necessarie mediazioni: Sorge mi ha parlato di politici cattolici che erano i migliori nelle loro competenze laiche, che andavano magari pure a Messa tutti i giorni, si confessavano, facevano ritiri e meditazioni regolarmente...ma, lo stesso, la cristianità, l’ideologia cattolica, tutti i partiti ideologici sono finiti. Servono nuove mediazioni per tempi nuovi, nuove maestrie laiche evangelicamente ispirate; il cambiamento d’epoca che stiamo vivendo comporta vasta apertura di mente e di cuore, comporta, ad esempio, pensare al metarealismo (cf. Jean Guitton, Dio e la scienza. Verso il metarealismo) e al metaumanesimo (cf. Michele Campanozzi, Oltre l’angolo: il metaumanesimo), comporta, come ci chiede il Santo Padre, il rimanere aperti alle sorprese di Dio. Lasciamoci sorprendere, non mettiamo limiti alla Provvidenza, siamo pronti ad attraversare sentieri nuovi, sappiamo di non sapere! Intanto, per quanto sta a noi, pensiamo ad avviare processi più che a conquistare spazi (cf. Evangelii gaudium). L’inaspettato ci aspetta, sempre, dietro l’angolo.

Il giorno dopo l’incontro con Sorge (cioè ieri, 16 ottobre), parlando con un amico, quando gli ho detto che per incontrare Sorge ho preso un bus alle 4: 25 del mattino, mi ha risposto “beh...hai incontrato un santo”. Ma io non credo che padre Sorge, finché è vivo, possa essere definito santo. In ogni caso, mi sento umanamente vicino e spiritualmente unito a lui, perché un po^ fanatico lo è, dato che alla fine gli interessa solo Gesù: sono fissazioni benefiche.

Come promesso, concludo citando un dottore della Chiesa di piuttosto fresca nomina, perché non è detto, come pensa qualcuno, che il mondo non potrà mai essere cristiano, esistendo anche un successo metastorico.

Guardai, poi, verso aquilone. Ed ecco vi stavano cinque bestie feroci: una era come un cane di fuoco che, però, non ardeva, un’altra come un leone di color biondiccio, una terza come un cavallo pallido ed una quarta come un maiale nero. Infine la quinta come un feroce lupo grigio. Tutte erano rivolte verso l’occidente.

Vidi poi verso l’oriente di nuovo il giovane Uomo, che prima avevo visto vestito con la tunica purpurea. Era seduto sopra il muro di pietra, all’angolo dell’edificio. Ma questa volta lo vidi anche con la parte bassa. Splendeva come l’aurora e portava sul ventre la lira.

E vidi di nuovo la figura di donna che prima mi era apparsa accanto all’altare. Anche di questa figura non era più nascosta la parte in basso, piena di numerose macchie. Sotto appariva una testa nera, con occhi ardenti, con orecchi di asino, con il naso e la bocca di leone … D’un tratto si staccò dal ventre della figura di donna che ne rimase scossa di spavento. Ma ecco, un tuono. La testa cadde e morì.

Allora si videro i candidissimi piedi della donna splendere come il sole, e una voce dal cielo mi disse:

1. Tutte le cose che sono in terra tendono al loro fine. Così anche il mondo nel difetto di forze proprie va verso la sua fine, e s’incurva oppresso da molte disgrazie e da molte calamità. Tuttavia la sposa del Figlio mio, molto provata nei suoi figli, non è affatto logorata dai preavvisi del figlio della perdizione né dallo stesso perditore, cioè dal diavolo, sebbene da essi sia molto aggredita. Risorgerà più forte e più robusta, più bella e più luminosa, per cedere in questo modo più soavemente e più dolcemente agli amplessi del suo Diletto. È questo che indica misticamente la visione che si trova davanti ai tuoi occhi. Vedi infatti verso aquilone dove stanno cinque bestie, le quali indicano le ferocissime corse di cinque regni temporali.

11. Dopo le bestie, di nuovo si fa vedere quel giovane Uomo che avevi visto. È il Figlio dell’Uomo, è la Giustizia che nell’edificio, in costruzione per la bontà del Padre celeste, unisce potentemente il muro della conoscenza del bene e del male con quello dell’opera umana. Avendo versato il sangue per la salvezza del mondo, come ha voluto il Padre, ora si rivela per il consolidamento della verità e lo fa nella medesima sublimità attraverso i misteri dei suoi miracoli…

Ora vedi anche la parte bassa della sua figura, perché la fine dei tempi s’avvicina. Fra poco il suo Corpo mistico sarà completo. Tuttavia, si prevede ancora la terribile prova dei suoi membri, cioè l’aggressività dell’Anticristo che, presentandosi come uomo della virtù di Dio, tenterà di impedire con tutte le sue forze infernali l’ultimo compimento dell’incarnazione del Figlio di Dio.

13. La figura di donna che prima avevi visto accanto all’altare, è la sposa del Figlio di Dio…Le macchie che coprono il suo ventre, sono le numerose sofferenze sopportate da lei nella sua lotta contro il figlio della perdizione, cioè contro Satana. Questi però viene colpito potentemente dalla mano di Dio. Il tuono scende con tale potenza sulla sua testa che, cadendo dal monte, il suo spirito si spegne. È la rivelazione della potenza di Dio, sulla quale si appoggia la sposa di mio Figlio. Si manifesterà nel candido splendore della fede, quando dopo la caduta del figlio della perdizione molti torneranno verso la verità, in tutta la bellezza che splenderà sulla terra.

Ma l’uomo mortale non deve indagare quando inizia, dopo la caduta dell’anticristo, l’Ultimo Giorno del mondo. Non può conoscere questo Giorno, perché Dio lo tiene nascosto nel mistero del suo consiglio. Uomini, preparatevi al Giudizio!”

(I tagli del testo originale di Ildegarda sono ad opera della curatrice dell'opera, edita da LEV, Libreria Editrice Vaticana, che ne dà spiegazione in nota)

(Ildegarda di Bingen, santa e dottore della Chiesa, visione XI “La fine dei tempi”, in Scivias. Il nuovo cielo e la nuova terra, pag. 247-249, a cura di Giovanna della Croce, O.C.D., Libreria Editrice Vaticana, 2002).

Mercoledì 17 ottobre 2018

© Riproduzione riservata

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: