Yara Gambirasio: svelato il mistero della sua morte?

Destinazione Cosmo

“Destinazione Cosmo” è un blog che si occupa di argomenti legati alla Criminologia, alle Scienze Forensi ed alla Divulgazione Scientifica. Per ciò che concerne la Criminologia e le Scienze Forensi, troverete articoli e saggi che spaziano dai Serial Killer agli Omicidi Seriali; dal Satanismo alle tecniche di adescamento dei giovani; dal bullismo nelle scuole alla pedofilia; dalla “Sindrome del Bambino Maltrattato” alla violenza contro le donne; dai “Difetti della Giurisprudenza” al “Della Pubblica Felicità” di L. A. Muratori. E tanto altro.
Per quanto concerne, invece, la Divulgazione Scientifica, troverete articoli e saggi dedicati, soprattutto, al mondo dell’astronomia e delle scienze ad essa collegate. Tutto il materiale sarà correlato da una moltitudine di meravigliose foto dell’Universo scattate dalla Terra e dallo spazio.
Perché? Perché «Il mondo delle scienze fisiche ed il mondo delle scienze della vita sono separati ancor oggi da una terra di nessuno inesplorata», come disse il fisico italiano Mario Agèno. Ed è arrivato il momento di iniziare l’esplorazione.
Questi e tanti altri gli argomenti trattati in questo blog che si presenta con un carattere di novità sia culturale che didattica: la verifica scientifica.

Danila Zappalà

Danila Zappalà
Laureata in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Urbino, ha frequentato un Master di specializzazione di 2° livello in "Scienze Criminologico - Forensi" presso l’Università "La Sapienza" di Roma.
Conseguito il Diploma di Master con Lode e Pubblicazione della Tesi, ha fondato nel 2007 a Siracusa il Centro Studi Scienze Criminali di cui è attualmente Presidente. Tiene Corsi di Criminologia e Psicopatologia Forense, Conferenze e Seminari per le Forze dell’Ordine e per tutte le altre categorie professionali.
Da sempre appassionata di Astronomia è attualmente una Divulgatrice Scientifica che collabora con varie testate giornalistiche scrivendo per Rubriche di Criminologia e Scienze. Tiene Corsi di Astronomia, Conferenze e Seminari di Scienze ed è autrice di numerosi saggi ed articoli di Criminologia, Scienze Forensi e Divulgazione Scientifica.
Con la BookSprint Edizioni ha pubblicato nel 2013 un libro dal titolo “La Formazione degli Operatori Territoriali nella Prevenzione del Crimine” in vendita nelle migliori librerie d’Italia e, con la stessa Casa Editrice, sono in corso di pubblicazione “Crime Scene. Manuale di Criminologia e Scienze Forensi ” e “Astronomia Bambini. Lezioni di astronomia per alunni di scuola elementare e media”.

TAGS

Newsletter
Destinazione Cosmo

Apr 15

Yara Gambirasio: svelato il mistero della sua morte?

È stato davvero svelato il nome dell'assassino della piccola Yara? E gli inquirenti hanno davvero, finalmente, una pista su cui indagare?

di Danila Zappalà

yara gambirasio, piccola yara

Yara Gambirasio, nata a Brembate di Sopra il 21 Maggio del 1997 e ritrovata senza vita il 26 febbraio del 2011 (tre mesi dopo la sua morte avvenuta, secondo l’anatomopatologa Cristina Cattaneo, il 26 Novembre 2010) è la tredicenne con la passione per la ginnastica ritmica passata agli onori della cronaca a seguito della triste e dolorosa vicenda che l’ha vista protagonista dapprima con la sua misteriosa scomparsa e poi con il ritrovamento in aperta campagna del suo esile cadavere, nella zona industriale tra Chignolo d'Isola e Madone, a circa 10 Km da casa e a pochissima distanza da dove, qualche mese prima, era stato commesso un altro omicidio, quello di un giovane ventenne che perse la vita al termine di una rissa tra i clienti di una discoteca vicina.

Dopo lunghi e dolorosi periodi d’incessanti ricerche che hanno visto coinvolti non solo le Forze dell’Ordine ma anche i Volontari, le Unità Cinofile, i Sommozzatori (che hanno ispezionato i fondali del Brembo e dell'Adda) nonché gli Elicotteristi, gli Speleologi e, perfino la Forestale, utilizzata per scandagliare le zone poco abitate e le strade senza uscita, si è giunti al triste epilogo: il ritrovamento del piccolo cadavere.

Il Questore di Bergamo, Vincenzo Ricciardi, determinato più che mai, intervistato da Tmnews, dopo qualche settimana dalla scomparsa della giovane, dichiara: “Rispetto al primo giorno per noi nulla è cambiato. Non c'è un solo uomo in meno impegnato nelle ricerche e non c'è un solo investigatore di alto livello che ha mollato il campo e le indagini. Proseguiamo nel nostro lavoro, che è difficilissimo, senza alcun intento di arrenderci. Forse,” continua il Questore, “qualcosa è cambiato per la stampa, perché è scattato il silenzio richiesto dalla famiglia al quale devo attenermi come prima e più di prima per quanto riguarda il merito delle indagini”.

Ma il tempo passa e non c’è più molto tempo per trovare l’assassino di Yara. Il 26 Febbraio 2013, infatti, sarebbero scaduti i termini (due anni) per l’inchiesta e il caso della tredicenne di Brembate sarebbe stato archiviato per sempre.

Ma, ecco il colpo di scena: da una pista seguita in silenzio dagli inquirenti esce fuori un nome, quello di Giovani Guerinoni, un autista d’autobus morto nel 1999 a soli 61 anni. Sul corpicino di Yara, infatti, o per meglio dire sui suoi slip e su parte dei suoi vestiti, saltano fuori delle tracce di sangue: quelle dell’assassino.

La magistratura, allora, dà inizio ad una delle più estese campagne di prelievi di DNA mai viste nel nostro paese, con migliaia (e, forse, più) di prelievi ematologici effettuati tra amici, familiari, conoscenti della piccola Yara e fra gli stessi abitanti di Brembate di Sopra. Tra questi ci sono anche i frequentatori della famosa discoteca del luogo che si chiama “Sabbie mobili” e che sta lì, vicino al campo di terra, sassi e sterpi di Chignolo in cui è stata ritrovata la tredicenne, il 26 febbraio 2011 appunto. Uno di questi ragazzi è un trentenne la cui madre ha lavorato come domestica dai Gambirasio. Gli inquirenti lo cercano, ma non è più in Italia: si trova in Perù, a fare il volontario. I magistrati ne ordinano il rientro in Italia e gli prelevano il dna.

Niente, lui non c'entra. Il suo DNA, però, è decisamente somigliante a quello ritrovato sulla Scena del Crimine: questo vuol dire che se non è stato lui ad uccidere Yara è stato quasi certamente uno dei suoi parenti.

I suoi familiari, dunque, sia vivi che morti, vengono passati al setaccio, uno per uno.

Salta fuori il nome di un suo zio, Giovanni Guerinoni, il cui DNA, prelevato da dietro il francobollo della sua patente, è compatibile al 99,99999987% con quello delle tracce di sangue trovate sul corpo di Yara.

Ma compatibile non vuol dire identico, anche perché la Polizia Scientifica è riuscita a mappare solo una parte del codice genetico.

Ovviamente, Guerinoni non è l'assassino perché è morto da anni. Ma è ragionevole supporre che l'assassino della piccola tredicenne sia un familiare diretto di Guerinoni. E poiché i risultati delle indagini escludono il coinvolgimento dei suoi figli legittimi, i magistrati pensano che Guerinoni deve aver avuto un figlio illegittimo, l’assassino appunto. Bè, è facile a dirsi. Ma è decisamente più facile trovare un ago in un pagliaio che questo figlio misterioso denominato “Ignoto 1”.

Intanto, però, proprio i Gambirasio, genitori di Yara, si sono dichiarati scettici sul punto. Per loro il sospettato numero uno è e resta il marocchino Mohammed Fikri, di cui ricorderete il clamoroso arresto e la ancor più clamorosa scarcerazione nel dicembre 2011: un errore grossolano commesso non dai PM, né dalle Forze dell’Ordine, ma dall’interprete, ingannato da una pronuncia poco chiara e da una scarsa conoscenza del dialetto parlato dal marocchino; oltre che dalle circostanze fuorvianti, naturalmente. Infatti sembrava avesse detto una frase in cui rivelava la sua colpevolezza…, poi, aveva lavorato nel cantiere di Mapello, su cui puntavano tutte le Unità Cinofile…, ed era anche partito per l'estero... Invece, non c’entrava nulla. Proprio così, per gli inquirenti non c’entrava nulla.

Pazienza, dopotutto siamo in Italia.

Ultimamente sentiamo di nuovo parlare dell’omicidio di Yara Gambirasio.

Adesso, infatti, pare si abbia la certezza scientifica che ad uccidere la tredicenne sia stato il figlio illegittimo di Giuseppe Guerinoni. Una certezza poco utile, però, perché l’identità di “Ignoto 1”, così come quello della madre che lo ha messo al mondo, rimane ancora sconosciuto.

E Yara, la dolce, piccola Yara, aspetta ancora che qualcuno scopra la verità e le renda giustizia.

© Riproduzione riservata

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: